Aree pubbliche 11 Marzo 2021

“2,2 milioni di euro per permettere 6 corse”, PaP: “Non è il momento più adatto per concentrarsi sull’ippica”

ippodromo caprilli corseLivorno 11 marzo 2021

“In Consiglio comunale è stata discussa la variazione di bilancio per finanziare con 2,2 milioni di euro la sistemazione dell’area dell’Ippodromo Caprilli per permettere lo svolgimento di 6 sessioni di corse estive.

Come Potere al Popolo abbiamo innanzitutto chiesto delucidazioni sul contenzioso in corso tra il Comune e la società Alfea a cui era stata concessa la struttura per 30 anni.

In seguito al presunto mancato rispetto delle clausole, la concessione venne ritirata unilateralmente dall’amministrazione e c’è tutt’ora una vertenza in tribunale che dovrà decidere se tale affidamento sia ancora valido o meno.

Già da questo esito si potrà capire il futuro dell’area del Caprilli.

E’ necessario accertarsi delle sentenze giudiziarie su chi è titolato ad usufruire di una certa area, prima di riassegnarla eventualmente, dato che in passato Livorno ha avuto pessimi precedenti come per il famoso Lodo Fremura. Difatti le aree espropriate ingiustamente portarono poi a concedere a Fremura le aree dove sorge attualmente il Nuovo Centro, che prima erano comunali, come compensazione del danno.

Riteniamo inoltre che la spesa di oltre 2 milioni di euro per far svolgere 6 sessioni di corse estive, sia un esborso fin troppo alto se prima non si pensa alla destinazione futura del Caprilli, e considerando anche che con l’attuale situazione Covid, non è affatto certo che si possano svolgere le corse.

In ultimo, vogliamo ricordare che l’Ippodromo si trova tra il Rio Maggiore e il Rio Felciaio.

Dato che proprio ultimamente è stato sviluppato il piano di Protezione civile, aggiornato, con modifiche alla struttura del Caprilli, c’è il rischio che non si tenga di conto degli equilibri trovati a fatica nell’area e nella città.

Con l’approvazione di un eventuale nuovo progetto, andrebbe scritta nuovamente la mappa di pericolosità.

Questo ci sembrerebbe inutile e controproducente, data la difficoltà e l’analisi profonda frutto del lavoro delle associazioni coinvolte e dei comitati nei riguardi degli enti pubblici.

Abbiamo ritenuto necessario ribadire, dunque, che difendiamo lo spazio e vorremmo che venisse riqualificato al meglio, ma forse questo non è il momento più adatto per concentrarsi sull’ippica.

Apprezziamo la comunicazione del Sindaco, il quale ha detto che per eventuali progetti futuri nell’area seguiranno aggiornamenti in commissione e nelle sedi opportune consiliari.

Restiamo in attesa, però, di avere le informazioni ed i documenti opportuni di quanto ipotizzato fino ad oggi, che invece il Consiglio comunale non ha ancora ricevuto.

Sono documenti fondamentali per poter sviluppare una discussione aperta con la cittadinanza sul tema e con le consigliere e consiglieri.

Quel che è certo è che la nostra battaglia per poter dare lustro ad uno spazio come l’Ippodromo Caprilli non si interrompe qua, ma procederà sia nelle sedi istituzionali che nelle rivendicazioni sull’area coinvolta.”

CONDIVIDI SUBITO!
EKOM Promozioni 11-24 maggio
SVS 5x1000
Inassociazione

Lascia il tuo commento