Cronaca 27 Aprile 2023

A Livorno quasi 35mila euro per i giovani volontari del Terzo settore da Cesvot e Regione Toscana-Giovanisì

Livorno, 27 aprile 2023

Quasi 35mila euro (per la precisione 34.947) di finanziamenti per i 7 progetti dell’area di Livorno vincitori del bando “Siete presente. Con i giovani per ripartire”, realizzato da Cesvot e finanziato da Regione Toscana-Giovanisì in accordo con il Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale, con il contributo delle 11 Fondazioni bancarie della Toscana.

Il bando “Siete presente. Con i giovani per ripartire” che nasce dal progetto “Generazione Giovanisì. Creatività, innovazione, partecipazione” punta a promuovere e qualificare il ruolo dei giovani nell’associazionismo toscano, dare forza e ruolo a una generazione nuova perché sia capace di rinnovare la proposta del terzo settore, la sua capacità di radicamento sul territorio nonché di facilitare il ricambio generazionale all’interno delle organizzazioni.

“La grande partecipazione al bando conferma la vitalità del tessuto associativo del territorio, il crescente coinvolgimento dei giovani nel mondo del volontariato e la voglia di ripartenza del Terzo settore” afferma Luigi Paccosi, presidente di Cesvot. “Dopo il successo della prima edizione, abbiamo deciso di rinnovare il bando anche quest’anno perché crediamo sia necessario rendere i giovani protagonisti del cambiamento e del loro futuro, promuovendo percorsi di cittadinanza attiva: il dialogo tra generazioni può solo arricchire le associazioni e quindi le comunità a cui si rivolgono, facendo incontrare l’esperienza e nuove idee ed energie”.

“Giovanisì è sempre più riferimento per i giovani toscani che possono contare oltre alle opportunità di studio e lavoro su un bando che li rende protagonisti delle loro comunità sostenendo la realizzazione, nelle associazioni, delle loro idee” afferma Bernard Dika, portavoce del presidente della Regione Toscana.

“Il Bando ‘Siete presente. Con i giovani per ripartire’ si riconferma un ottimo strumento per coinvolgere i giovani nel tessuto associazionistico del nostro territorio, con tutti gli effetti positivi che ne derivano, non da ultimo lo scambio di competenze tra generazioni diverse” afferma Cinzia Pagni, vicepresidente Fondazione Livorno.

“Un’opportunità per i giovani, per il Terzo Settore ma soprattutto per la comunità locale, progetti di valore, frutto della capacità delle associazioni di collegarsi tra loro, costituire reti, stringere alleanze, condividere risorse e prospettive” dichiara Andrea Raspanti, assessore Terzo Settore Comune di Livorno.

 

Sette i progetti vincitori:

“Cambiamente: Festival Diffuso (Future Edition)”, ente capofila Arci Comitato Territoriale Livorno Aps – Ets, ente proponente Associazione Nesi Corea Odv, partner Uni Info News. Il progetto ha ottenuto un finanziamento di 5mila euro.

“#AvisRadioGiovani II Edizione”, ente capofila Avis comunale di Livorno, ente proponente Avis Intercomunale di Collesalvetti, partner Admo – Ass. Donatori Midollo Osseo Regione Toscana Onlus, Agbalt odv – Associazione Genitori per la cura e l’assistenza ai Bambini affetti da Leucemia o Tumore, Aido – Sezione Provinciale di Livorno, Ail onlus, Ass. Lila P24 Livorno Odv, Comune di Livorno, P.A. Svs – Pubblica Assistenza Società Volontaria Soccorso di Livorno, Vip Viviamoinpositivo Libecciati Livorno Odv. Il progetto ha ottenuto un finanziamento di 5mila euro.

“Gender Revolution – Gender Equality”, ente capofila L.E.D Libertà e Diritti Arcigay Livorno Aps, enti gruppo proponente A.Ge.D.O. Livorno Odv Associazione Di Genitori Parenti E Amici Di Persone Lgbt+, Associazione Incontriamoci In Diversi Aps, Auser Portoferraio Odv, partner “Altamarea Società Cooperativa Sociale” Onlus Arca Cooperativa Sociale a Responsabilità Limitata, Associazione Dialogo Volontariato Carcere Odv, Associazione Proloco Portoferraio, Italia Nostra Onlus, Linc Società Cooperativa Sociale a Responsabilità Limitata – Onlus Pro Loco di Capoliveri Aps, Progetto Elba Del Vicino – Ostello Per La Gioventù, Simtur – Società Italiana Professionisti Turismo e Mobilità Sostenibile. Il progetto ha ottenuto un finanziamento di 4970 euro.

“Virgilio”, ente capofila Centro Mondialità Sviluppo Reciproco Odv Ong Ets, enti gruppo proponente Mezclar22 Aps, Pro Loco Livorno Aps. Il progetto ha ottenuto un finanziamento di 5mila euro.

“Contaminando-Gi – Percorsi di Contaminazione tra giovani artisti livornesi e giovani aspiranti artisti”, ente capofila Il Sestante Solidarietà Aps, ente proponente L’Orto Degli Ananassi Aps, partner Associazione Progetto Strada Aps. Il progetto ha ottenuto un finanziamento di 5mila euro.

“Gener… Azioni Insieme”, ente capofila Capire Un’H Aps Ets, enti gruppo proponente Associazione Famiglie di persone con disabilità intellettive e/o relazionali di Livorno Ets, partner Comune Di Livorno, Cooperativa Sociale Le Livornine Soc. Coop. Il progetto ha ottenuto un finanziamento di 4977 euro.

“Make Music”, ente capofila Arci Bassa Val Di Cecina Comitato Territoriale Aps – Ets, enti gruppo proponente Arci Servizio Civile Bassa Val Di Cecina Aps, Arci Solidarietà Bassa Val Di Cecina, partner Associazione Culturale Musicale Ritmi Aps, Bocciofilo Comunale U. Orlandini. Il progetto ha ottenuto un finanziamento di 5mila euro.

Titolo: Cambiamente: Festival Diffuso (Future Edition)

Ente Capofila: Arci Comitato Territoriale Livorno Aps – Ets

Enti gruppo proponente: Associazione Nesi Corea Odv

Partners: Uni Info News

Descrizione

Nonostante i grandi progressi tecnologici degli ultimi decenni il futuro non è mai stato così incerto. La post-modernità si manifesta in tutto il suo caos semantico e ipertestuale, le immagini sembrano soppiantare il linguaggio e la capacità di pensiero critico sembra in secondo piano rispetto alla necessità di produrre opinioni e contenuti in tempi brevissimi. Assistiamo impotenti al trionfo del digitale, alla deterritorializzazione e alla smaterializzazione dei rapporti umani, al ricorso sempre più massiccio di delega alla macchina delle attività quotidiane e alla nascita di sempre nuove realtà alternative. Negli ultimi mesi il tema dell’Intelligenza artificiale è tornato alla ribalta dopo la comparsa di programmi come Midjourney e Chatgpt, aprendo nuovi dibattiti. Il digitale, insomma, sembra svilupparsi a una velocità a cui spesso neppure i più giovani riescono ad adattarsi, con il conseguente rischio che la comunità subisca i cambiamenti senza avere gli strumenti per comprenderli. Riteniamo sia fondamentale affrontare temi che riguardano la contemporaneità, soprattutto insieme alle nuove generazioni, proprio per evitare che possibilità utopiche si rivelino scenari distopici, provando ad proporre anche sul nostro territorio tematiche tanto dirimenti quanto poco affrontate, cercando di tenere una posizione mediana nella dicotomia, proposta da U. Eco, tra apocalittici-integrati rispetto ai nuovi prodotti tecnologici e i nuovi media, per sviluppare una riflessione che possa essere in primo luogo comprensione e che possa orientarci in questo mondo governato da algoritmi.

Da questa analisi nasce l’idea del progetto “CambiaMente Festival: Futuro Edition”, la terza edizione del CambiaMente Festival, un festival-contenitore che ogni anno, da tre anni, si preoccupa di affrontare temi cari ai suoi giovani organizzatori: antimafia, crisi climatica e adesso il tema “Futuro”. All’interno del festival dello scorso anno sono state realizzate le attività conclusive del progetto Verde pubblico, finanziato proprio all’interno del bando siate presente 2022. Proprio grazie al progetto dello scorso anno, si è venuto a creare un interessante contesto giovanile fatto di ragazzi e ragazze con la voglia di confrontarsi e di lavorare per il territorio. Per quest’anno, l’idea è di realizzare un festival diffuso costituito da eventi, incontri, momenti di confronto e discussione che affrontino le varie questioni tecniche, sociali, ed etiche che le nuove tecnologia pongono.

Titolo: #AvisRadioGiovani “II° Edizione”

Ente Capofila: Avis comunale di Livorno

Enti gruppo proponente: AVIS Intercomunale di Collesalvetti

Partners: ADMO – Ass. Donatori Midollo Osseo Regione Toscana Onlus, AGBALT ODV – Associazione Genitori per la cura e l’assistenza ai Bambini affetti da Leucemia o Tumore, AIDO – Sezione Provinciale di Livorno, AIL onlus, Ass. Lila P24 Livorno Odv, Comune di Livorno, P.A. Svs – Pubblica Assistenza Societa’ Volontaria Soccorso di Livorno, VIP Viviamoinpositivo Libecciati Livorno ODV

Descrizione

AVIS Livorno sempre impegnata nella sensibilizzazione al gesto del dono, visto il grande successo della prima edizione vuole riproporre il progetto radiofonico, ampliandolo con alcune novità suggeriteci dai giovani della precedente edizione, che anche quest’anno, saranno partecipi nella progettazione e nella messa in atto dello stesso. Il progetto ha sempre come finalità quella di avvicinare i giovani affinché si riesca ad avere un ricambio generazionale, considerato che ogni anno molti donatori, per età o per patologie devono interrompere il proprio percorso di donazione di sangue e plasma. I giovani devono essere consapevoli che al raggiungimento della maggiore età possono essere d’aiuto e di supporto per chi è in difficoltà e ha problemi di salute. Anche quest’anno i ragazzi (Servizio Civile/Giovani Volontari Avis)già attivi in associazione affiancheranno e supporteranno i ragazzi che vorranno partecipare al progetto, ovvero coinvolgendoli nella realizzazione di una programmazione Radio Web, per dare voce alle loro opinioni circa la donazione, eventuali dubbi e paure che possono avere e poter dare loro informazioni dettagliate, per rassicurarli e fargli capire che la donazione è un atto di altruismo incondizionato, che fa star bene e che gratifica profondamente. Su suggerimento dei ragazzi che hanno partecipato alla scorsa edizione, abbiamo inserito altre due associazioni (AIL e AGBALT), per parlare e approfondire le tematiche inerenti alle leucemie linfomi e mielomi negli adulti e nei bambini. Il fine della realizzazione della radio o l’inserimento nel gruppo operativo sarebbe comunque preceduto da incontri di formazione creativa. Per dare voce e creare compartecipazione creativa tra i giovani. Durante gli incontri Radio Web (10 incontri) verranno affrontate tematiche diverse, ospitando anche esperti (medici, donatori periodici, persone che hanno ricevuto trasfusioni o cure mediche, attraverso medicinali plasmaderivati), tutto questo per sensibilizzare i giovani e la cittadinanza al gesto della donazione. L’evento conclusivo sarà nel mese di dicembre presso il locale dell’ex cinema Aurora (molto frequentato dai giovani), che concluderà formalmente il progetto. La nostra idea sarebbe quella di organizzare una diretta Radio con varie interviste, cercando di sensibilizzare i cittadini al gesto del dono, dove gli speaker e le interviste verranno realizzate direttamente dai giovani, per i giovani, con il fine ultimo di avvicinarli al gesto del dono.

Titolo: Gender Revolution – Gender Equality

Ente Capofila: L.E.D Libertà e Diritti Arcigay Livorno Aps

Enti gruppo proponente: A.Ge.D.O. Livorno Odv Associazione Di Genitori Parenti E Amici Di Persone Lgbt+, Associazione Incontriamoci In Diversi Aps, Auser Portoferraio Odv

Partners: “Altamarea Società Cooperativa Sociale ” O.N.L.U.S., Arca Cooperativa Sociale A ResponsabilitàLimitata, Associazione Dialogo Volontariato Carcere Odv, Associazione Proloco Portoferraio, Italia Nostra Onlus, Linc Società Cooperativa Sociale A Responsabilità Limitata – O.N.L.U.S., Pro Loco Di Capoliveri Aps, Progetto Elba Del Vicino – Ostello Per La Gioventù, Simtur – Società Italiana Professionisti Turismo E Mobilità Sostenibile

Descrizione

La parità di genere è un fondamentale diritto umano. Tuttavia, i diritti umani delle persone vengono costantemente violati Lsulla base dell’identità di genere o dell’orientamento sessuale ed affettivo. I termini sesso, genere, identità di genere e orientamento sessuale hanno significati diversi ma vengono spesso confusi.

La discriminazione di genere condiziona particolarmente la partecipazione delle donne e delle persone LGBTQIA* alla vita sociale, inclus quella formativa e lavorativa. Esistono barriere significative che ostacolano la piena ed equa partecipazione degli individui nel campo dell’istruzione, dell’occupazione e del processo decisionale politico e pubblico.

Oggi la violenza di genere contro le donne e le ragazze persiste in tutte le società del mondo, colpendo trasversalmente tutti i gruppi sociali; le persone transgender sono le vittime maggiormente esposte a questa forma di violenza a causa del loro aspetto, del loro abbigliamento e di altre caratteristiche che spesso non sono conformi alle aspettative che ha la società nei confronti degli uomini e delle donne.

Il progetto intende favorire una cultura dell’uguaglianza nel rispetto delle differenze e dell’integrazione, contrastando quelle pressione sociali che inducono a “normalizzarsi” e ad aderire ad una struttura patriarcale ed eteronormativa.

Le azioni previste nel programma coinvolgono le scuole, sia i docenti che il personale ATA, che le associazioni del terzo settore, favorendo un percorso di cittadinanza attiva e di partecipazione.

L’Isola d’Elba è un territorio diviso dove il cambiamento culturale è più lento e condizionato dalla frammentazione politica in sette comuni e numerose frazioni. La distanza condiziona ulteriormente la partecipazione attiva delle donne e delle persone LGBQIA* alla vita sociale ed al mondo del volontariato. Mancano inoltre luoghi di aggregazione rispettosi delle individualità, inclusivi di tutte le differenze, non solo di genere, ma che riguardano anche la disabilità e l’immigrazione. Recenti episodi testimoniano quanto sia radicata, anche fra i giovani, la cultura della sopraffazione e della violenza e quanta strada ci sia ancora da percorrere per raggiungere una equità di genere.

Per contrastare la violenza è necessario mettere un campo azioni finalizzate al cambiamento socio culturale per eliminare pregiudizi e superare modelli stereotipati dei ruoli.

Titolo: Virgilio

Ente Capofila: Centro Mondialità Sviluppo Reciproco Odv Ong Ets

Enti gruppo proponente: Mezclar22 Aps, Pro Loco Livorno Aps

Partners:

Descrizione

VIRGILIO si prefigge di dare la possibilità a giovani attivistə di sperimentare il metodo di discussione e sintesi tipico del centralismo democratico, immaginando una “costituente giovanile” (o una ideale “assemblea permanente”), con l’obiettivo di restituire strumenti formativi sociali e culturali ad una generazione di giovani non pienamente consapevole delle best pratices di dialogo orizzontale. Le difficoltà nel confrontarsi sono precedute dall’impossibilità dell’incontrarsi, causata dalla frammentazione socio-politica tipica del nostro tempo. Queste difficoltà, incontrate anche (ma non solo) dalle nuove generazioni, si rinvengono anche nelle dinamiche sociali e associative. Il fine del progetto VIRGILIO è quello di stimolare il protagonismo giovanile attraverso l’utilizzo di pratiche orizzontali e la trasmissione di metodologie operative utili in contesti decisionali collettivi.

I/Le giovani che partecipano al progetto VIRGILIO saranno liberə di esprimere loro stessi, la loro idea di mondo, e scambiare pratiche e principi, apprendendo il metodo del centralismo democratico. L’esperienza alla quale prenderanno parte i/le partecipanti sarà, pertanto, non un’esperienza politica in senso stretto, bensì un’esperienza pratico-applicativa di democrazia partecipativa, un’esperienza di protagonismo giovanile dove si creerà uno spazio orizzontale di discussione tra giovani. Quanto alla metodologia, il progetto adotta la metodologia del learning by doing, mediante la simulazione sopra menzionata, articolata per mezzo dell’approccio P2P. In particolare, giovani operatori e operatrici sapranno coadiuvare i/le giovani attiviste, guidando la simulazione attraverso strumenti appositi tools (ad es, KAHOOT, menti.com, Genially, Google Classroom, ecc.). È chiaro infatti che una contemporanea esperienza di democrazia partecipativa non può dimenticarsi dei nuovi strumenti multimediali, non ultimi i social, quali nuove piazze di confronto. In ultima analisi, la sfida dell’azione è quella di insegnare il centralismo democratico, innovandolo dalla sua base (i giovani) proprio come richiedono i suoi stessi principi di funzionamento. Sperimentare il centralismo democratico per stimolare e sostenere il protagonismo giovanile.

Titolo: Contaminando-Gi -Percorsi Di Contaminazione Tra Giovani Artisti Livornesi E Giovani Aspiranti Artisti

Ente Capofila: Il Sestante Solidarietà Aps

Enti gruppo proponente: L’Orto Degli Ananassi Aps

Partners: Associazione Progetto Strada Aps

Descrizione

L’idea progettuale “CONTAMINANDO-GI” nasce dall’esperienza e dalle attività messe in campo nell’ambito sociale e di promozione della cultura dall’Associazione Il Sestante Solidarietà APS in qualità di Ente capofila del gruppo proponente. Destinatari del progetto saranno i giovani in particolar modo quelli della periferia urbana livornese. Si tratta di sviluppare percorsi artistici nell’ambito musicale, di video produzione e fumettistica. A questi percorsi potranno partecipare in veste di esperti alcuni giovani artisti livornesi che avranno il compito di “trasferire” nozioni e passoni artistiche ai giovani aspiranti. Tutte le attività del progetto saranno volte a sostenere e valorizzare il talento culturale e creativo dei giovani artisti livornesi, a sostenere l’affermazione delle loro ampie capacità creative, artistiche e culturali. I veri protagonisti all’interno di quella che vuole essere un’esperienza consapevole, motivante e coinvolgente, saranno i giovani target del progetto (14-35 anni) che verranno coadiuvati dai giovani artisti che hanno già trovato la propria strada artistica avendo il coraggio e la capacità di farne una professione. L’impegno da parte del giovane artista professionista sarà quella di affiancare i giovani aspiranti target in modo che possano acquisire conoscenze e competenze utili per la propria vita all’interno di un reale coinvolgimento che li renderà protagonisti di sviluppo sociale nei vari contesti dove è inserito. Saranno gli stessi giovani artisti che della propria arte hanno fatto un mestiere, coadiuvati dal referente di progetto volontario dell’Ente capofila, a riconoscere e sviluppare le potenzialità artistiche dei giovani aspiranti target valorizzandone il talento, la passione e le capacità. Tutto questo all’interno di un percorso concreto di partecipazione attiva ed esperienze educativo-formative fatte dai giovani per i giovani. Il progetto trova la sua origine e ne potrà trovare la sua realizzazione anche grazie alla collaborazione con gruppo informale ConArte composto da giovani (prevalentemente Artisti di varie discipline) nato lo scorso anno all’interno dell’Associazione capofila e alla presenza nel gruppo proponente dell’Associazione Orto degli Ananassi APS.

Titolo: Gener…Azioni Insieme

Ente Capofila: Capire Un’H Aps Ets

Enti gruppo proponente: Associazione Famiglie Di Persone Con Disabilità Intellettive E/O Relazionali Di Livorno Ets

Partners: Comune Di Livorno, Cooperativa Sociale Le Livornine Soc. Coop.

Descrizione

Capire un’H Aps fin dalla sua costituzione promuove la cultura dell’integrazione e della solidarietà attiva attraverso vari progetti e iniziative con quanti ne condividono le idee. Negli ultimi anni l’impegno si è concentrato in maniera importante verso la problematica del lavoro per persone con disabilità, questo percorso è stato condiviso con Anffas onlus Livorno Aps. L’ambito lavorativo nel quale ci siamo orientati è quello della ristorazione, a tal fine già nel 2022 sono stati attivati corsi di formazione rivolti ad un gruppo eterogeneo per età e competenze. I corsi sono stati frequentati da circa 15 persone e hanno fornito titoli (sicurezza-Haccp) e conoscenze base sulla cucina e caffetteria. E’ prevista a breve una formazione rivolta all’accoglienza in sala, presa degli ordini e gestione degli stessi, banco bar, cucina e cassa. Questo percorso prevede l’uso di strumenti tecnologici (palmari per gestione degli ordini cucina, pizzeria, banco bar, tablet, cassa e stampante fiscale) che richiedono per alcuni un impegno maggiore e tempi più lunghi per l’acquisizione delle relative conoscenze. Uno degli elementi fondamentali del progetto è quello di creare nell’ambiente lavorativo un team inclusivo che abbiamo già sollecitato e realizzato nei vari tipi di formazione. Quello che proponiamo anche per questa formazione è un gruppo formato da persone di varie età ed esperienze, da persone con disabilità e/ o fragilità, taluni dopo la formazione rivestiranno il ruolo di tutor nell’esperienza lavorativa nel settore della ristorazione. Il suddetto corso avrà la durata di 20 ore e sarà tenuto dal formatore della ditta Sistemi Digitali Group.

Il gruppo si avvale della collaborazione della Cooperativa sociale Le Livornine, sorta per volontà dei soci di Capire un’H per rispondere al bisogno di creare posti di lavoro per persone con disabilità, anche attraverso corsi formativi e che sta ultimando i lavori per aprire un’attività di ristorazione e bar.

Considerando l’importanza che ha il lavoro per la realizzazione di sé e le difficoltà che le persone con disabilità incontrano in questa ricerca abbiamo programmato, a completamento del corso di formazione, una giornata di riflessione sulla situazione degli inserimenti lavorativi in ambito locale, alla quale parteciperanno l’Assessore al sociale e il Garante delle persone con disabilità del Comune di Livorno.

Titolo: Make Music

Ente Capofila: Arci Bassa Val Di Cecina Comitato Territoriale A.P.S. – Ets

Enti gruppo proponente: Arci Servizio Civile Bassa Val Di Cecina Aps, Arci Solidarietà Bassa Val Di Cecina

Partners: Associazione Culturale Musicale Ritmi Aps, Bocciofilo Comunale U. Orlandini

Descrizione

La nostra ipotesi operativa parte dalla volontà di proporre, una serie di attività culturali, ricreative e formative con la finalità di coinvolgere in modo attivo i giovani, permettendo loro di esprimere pienamente le loro energie positive ed essere valorizzati in relazione alle loro attitudini e spirito creativo. Combattere i pregiudizi, la cattiva informazione con cultura e socialità.

Vogliamo dar voce a tanta parte del mondo giovanile locale che, anche attraverso gli strumenti del web, potrà regalare la propria creatività e la propria produzione a chi in questi anni si è ritrovato solo.

Vogliamo che questo tempo sia riempito con spettacoli, occasioni di crescita e formazione, usando il ritrovarsi insieme come veicolo accessibile e democratico per tutti.

Vogliamo riempire i social, troppo spesso usati per parole d’odio e false verità, di pensieri, creatività, riflessioni e visioni del mondo solidali e interessanti con l’occhio dei giovani che in questi anni si sono ritrovati soli e senza socialità.

Con questo progetto si vuole consentire ai giovani, fulcro delle attività, di creare uno spazio a loro misura dove riacquistare la socialità perduta. Grazie a questo progetto i ragazzi, potranno letteralmente formarsi, pensare e creare iniziative in ambito musicale. Questo progetto offrirà ai giovani momenti di aggregazione e confronto creativo, coesione sociale e di cittadinanza attiva europea affinché si possa ricostruire un rapporto tra giovani eliminando il disagio causato dalla pandemia.

CONDIVIDI SUBITO!
Inassociazione