Ambiente 29 Marzo 2019

“Aamps chiede alla Regione di bruciare più rifiuti, altro che spegnimento!”

La denuncia del Coordinamento. Nel frattempo la Regione richiede integrazioni e documenti

Coordinamento Rifiuti Zero Livorno:

“Aamps chiede alla Regione di bruciare più rifiuti, altro che spegnimento!”

“Mentre la giunta comunale nelle scorse settimane continuava a promettere la futura chiusura dell’inceneritore di Livorno dopo il concordato (chiusura non confermata, ne’ programmata, in alcun atto del Comune o di Aamps), si incardinava presso gli uffici della Regione il procedimento riguardante un’istanza presentata tre mesi fa da Aamps.

A prima vista, la richiesta di autorizzazione riguarda la trasformazione dell’impianto di preselezione dei rifiuti in un impianto di stoccaggio della carta, in ossequio ad una strategia di incremento del riciclo. Ma nella stessa istanza Aamps ha anche aggiunto la richiesta di incrementare il quantitativo massimo di rifiuti da incenerire dalle attuali 180 tonnellate al giorno a 270 tonnellate al giorno. Non solo, chiede anche di incrementare i giorni di esercizio dell’impianto da 310 a 365 all’anno.

Tale incremento non è previsto nel concordato e neanche nei piani industriali e tecnici, ne’ ci risulta sia stato annunciato in nessuna sede istituzionale, a partire dal Consiglio comunale.

In passato, Aamps ha spesso superato i limiti “indicativi” fissati dalla Regione, arrivando a bruciare oltre 76.000 tonnellate nel 2017, invece delle 56.000 previste dall’autorizzazione vigente (pari a 180 tonnellate per 310 giorni). Con l’incremento richiesto in questi giorni da Aamps, negli anni successivi al concordato si arriverebbe – anziché all’annunciato spegnimento dell’impianto – a bruciare oltre 98.000 tonnellate l’anno.

L’aspetto ambientale è terrificante: con l’aumento della raccolta differenziata, i livornesi smaltirebbero nell’inceneritore solo 25.000 tonnellate l’anno, le restanti 73.000 sarebbero importate dalle altre città, che allarmate dagli studi più recenti sull’impatto sanitario di questi impianti si sono rifiutate di costruirli oppure li hanno chiusi.

C’è poi l’aspetto economico: in linea con il mercato, Aamps fa pagare a queste città 110 euro per ogni tonnellata di rifiuti smaltiti nell’inceneritore, che non bastano neanche a coprire tutti i costi di funzionamento dell’impianto: manutenzioni, smaltimento ceneri, acquisto additivi alla combustione, consumi idrici, ecc. Quindi più rifiuti brucia l’inceneritore, più si creano perdite nel bilancio, come viene ammesso anche nel piano di concordato.

Prepariamoci, quindi, non solo ad un aumento delle emissioni inquinanti nel territorio comunale, ma anche a dover far fronte in futuro a nuove difficoltà finanziarie, da risolvere come sempre con ulteriori aumenti della tariffa”.

Intanto la Regione richiede integrazioni e documenti ad Aamps, vedi foto

CONDIVIDI SUBITO!

Lascia il tuo commento