Boxpress 17 Dicembre 2020

Al via la missione sull’iceberg più grande del mondo

E' grande quanto il Lussemburgo e minaccia la Georgia del Sud

iceberg

Iceberg, immagine di archivio

Scienza – 17 dicembre 2020

L’iceberg A-68 si è rotto dalla piattaforma di ghiaccio Larsen C in Antartide nel 2017; la sezione più grande rimanente è ora indicata con A-68a.

Gli scienziati scienzati pensano al distacco come un evento naturale e non direttamente attribuito al cambiamento climatico.

Tuttavia, i modelli prevedono che un’Antartide più calda in futuro avrà più eventi di parto con il ritiro delle piattaforme di ghiaccio e dei ghiacciai.

Il mese prossimo inizierà una missione di ricerca per determinare l’impatto del gigantesco iceberg A-68a su uno degli ecosistemi più importanti del mondo.

 

Un team di scienziati, guidato dal British Antarctic Survey (BAS), salperà sulla nave del National Oceanography Centre (NOC) diretta all’isola sub-antartica della Georgia del Sud.

L’enorme berg, che si è staccata dalla piattaforma di ghiaccio Larsen C in Antartide nel 2017, ora ha una superficie di 3900 kmq.

Dopo che le immagini satellitari hanno rivelato il suo movimento verso la Georgia del Sud, il team scientifico ha presentato una proposta al NERC per finanziare una missione urgente a sud.

Immagini recenti catturate dall’aria dal MOD mostrano che l’iceberg si sta rompendo.

Il team studierà l’impatto dell’acqua dolce proveniente dallo scioglimento dei ghiacci in una regione dell’oceano che ospita colonie di pinguini, foche e balene.

Queste acque ospitano anche alcune delle attività di pesca gestite in modo più sostenibile al mondo.

King Edward Point Research Station sull'isola della Georgia del Sud

King Edward Point Research Station sull’isola della Georgia del Sud (foto British Antarctic Survey)

Lord Goldsmith, Ministro del Pacifico e dell’ambiente, afferma:

“Dobbiamo capire gli effetti che enormi iceberg possono avere sulla fauna selvatica e sulla vita marina, quindi sono lieto che il programma Blue Belt, che lavora con i territori britannici d’oltremare per proteggere e gestire in modo sostenibile le loro acque, sia in grado di supportare questa ricerca di fondamentale importanza missione.”

L’oceanografo Dr Povl Abrahamsen, del British Antarctic Survey, è a capo della missione:

 

“Abbiamo un’opportunità unica per visitare l’iceberg.

Il programma Blue Belt del governo britannico, ha riconosciuto l’urgenza di agire rapidamente, permettendo così di studiare l’iceberg durante un imminente viaggio per monitorare l’ecosistema e il clima dell’Oceano Antartico.

Tutti stanno facendo tutto il possibile per far sì che ciò accada “.

Dei mezzi robotici subacquei saranno schierati dalla nave di ricerca NOC RRS James Cook, che partirà dalle Isole Falkland per l’iceberg alla fine di gennaio.

I due mezzi robotici subacquei lunghi 1,5 metri passeranno quasi quattro mesi a raccogliere misurazioni di salinità, temperatura e clorofilla dell’acqua di mare dai lati opposti dell’iceberg, pilotati su collegamento satellitare dal personale di NOC e BAS.

Il team misurerà anche la quantità di plancton presente nell’acqua e confronterà i risultati con studi oceanografici e sulla fauna selvatica a lungo termine nella Georgia del Sud e nella vicina Bird Island.

Le acque intorno alla Georgia del Sud sono riconosciute come uno dei luoghi biologicamente più ricchi del pianeta con specie marine più descritte rispetto alle Galapagos ed è una delle più grandi aree marine protette del mondo.

L’iceberg, se si trova vicino all’isola, rappresenta un rischio per i pinguini e le foche durante la stagione riproduttiva.

 

Il professor Geraint Tarling, ecologo presso il British Antarctic Survey, afferma:

L’iceberg causerà devastazione al fondo del mare perlustrando le comunità dei fondali marini di spugne, stelle fragili, vermi e ricci di mare, riducendo così la biodiversità.

Queste comunità aiutano a immagazzinare grandi quantità di carbonio nel tessuto corporeo e nei sedimenti circostanti.

La distruzione da parte dell’iceberg rilascerà questo carbonio immagazzinato nell’acqua e, potenzialmente, nell’atmosfera, il che sarebbe un ulteriore impatto negativo “.

“Tuttavia, mentre siamo interessati agli effetti del nuovo arrivo dell’A-68a in Georgia del Sud, non tutti gli impatti lungo il suo percorso sono negativi.

Ad esempio, quando viaggiano attraverso l’oceano aperto, gli iceberg rilasciano enormi quantità di polvere minerale che fertilizzerà il plancton oceanico intorno a loro, e questo li avvantaggerà e ricoprirà la catena alimentare “.

Steve Woodward, responsabile tecnico dei mezzi robotici subacquei del NOC, che gestirà le operazioni degli alianti National Marine Equipment Pool (NMEP), afferma:

“mezzi robotici subacquei autonomi sono un mezzo eccellente, economico e sostenibile per raccogliere e registrare importanti dati marini.

In questo caso, programmeremo gli alianti NMEP per avvicinarsi il più possibile al bordo dell’iceberg come riteniamo sia sicuro e praticabile, e raccoglieremo i dati che saranno necessari per consentire al team di comprendere le implicazioni di ciò che sta accadendo con A-68a. ”

Andrew Fleming, responsabile del telerilevamento presso BAS, ha seguito il viaggio dell’iceberg sulle immagini del Copernicus Sentinel-1 e di altri satelliti. Lui dice:

“Stiamo osservando molto da vicino l’andamento dell’iceberg A-68a perché non vediamo un berg di queste dimensioni nella zona da un po ‘di tempo. Man mano che si rompe, migliaia di iceberg più piccoli hanno la possibilità di ostruire le rotte di navigazione nell’area, soprattutto quando si disperdono. L’Agenzia spaziale europea ha consegnato regolarmente immagini Sentinel-1 e le useremo per continuare il monitoraggio nei prossimi mesi.

“Le immagini e i filmati raccolti dalle missioni di volo MOD hanno aiutato enormemente a confermare alcune delle caratteristiche che possiamo vedere nelle immagini dallo spazio. Le immagini ravvicinate forniscono dettagli su come il berg sta iniziando a rompersi e ci consentono di comprendere meglio questi processi “.

 

 

CONDIVIDI SUBITO!
EKOM Promozioni 11-24 maggio
SVS 5x1000
Inassociazione

Lascia il tuo commento