Politica 19 Luglio 2017

Alemanno e Amadio presentano il nuovo Movimento

Si chiama Movimento Nazionale per la Sovranità. Prove tecniche per l’alleanza con Forza Italia e Lega (assente Fratelli d’Italia)

Stop all’immigrazione incontrollata, alla follia di una legge che dà la cittadinanza a chiunque e priorità al lavoro. Queste le colonne portanti del nuovo Movimento Nazionale per la Sovranità, presentatosi ufficialmente in Toscana con il leader nazionale Gianni Alemanno e il coordinatore nazionale Marcella Amadio.

“L’Italia è isolata, assediata dagli sbarchi, con i vicini che reagiscono e chiudono le frontiere – esordisce Alemanno – I sindaci sono lasciati da soli, i governatori girano la testa, il Governo è assente e si fa persino portatore di leggi che aumenteranno a dismisura l’immigrazione. Qualcuno li deve fermare e bisogna mettere un blocco navale subito”. A chi gli chiede le altre priorità del partito, l’ex sindaco di Roma risponde: “Il lavoro è al centro del nostro programma e per dimostrarlo scenderemo in piazza a settembre prossimo”. Per governare bisogna però vincere e non si può fare da soli. Per questo motivo: “Vogliamo l’unità del centro destra”. Marcella Amadio, prima di passare la parola ad Alemanno ha ringraziato le forze alleate presenti in sala (Forza Italia e Lega) e letto i messaggi di quelli assenti (tra cui Mugnai) mentre si è invece chiesta il perché dell’assenza di Fratelli d’Italia. Questi i dirigenti presentati alla platea: Simone Di Nasso (segretario provinciale di Livorno), lucia Morucci, Cristiano Romani, Sebastiano Campo, Santi Guerrieri, Virgilio Luvisotti. Questi invece alcuni dei consiglieri comunali: Giacomo Ciaccia e Roberto Bardelli.

Difficile pensare a una manifestazione organizzata da Alemanno&Amadio senza una certa contestazione. Infatti a margine dell’incontro un gruppo di manifestanti ha steso uno striscione contro l’ex sindaco di Roma, auspicandolo appeso a testa in giù come un novello Mussolini a piazzale Loreto. Appena giunto all’hotel Palazzo con una utilitaria, Alemanno si è diretto verso i contestatori seguito dalla Amadio avviando un vivace scambio verbale del quale abbiamo girato un breve video. Di seguito Alemanno ha criticato la polizia e il questore che “permettono ancora nel 2017 scene di questo tipo”. Amadio ha ricordato ironicamente di quando l’intera curva nord dello stadio le aveva dedicato uno striscione similare.

CONDIVIDI SUBITO!

Lascia il tuo commento