Cronaca 13 luglio 2018

“Allarme” da Cgil: “Fonti del Corallo persi 40 posti di lavoro”

“Galleria Fonti del Corallo, persi quasi 40 posti di lavoro in due mesi: lenta agonia. Chiarezza sul futuro”.

Livorno, 13 luglio 2018 – Una quarantina di posti di lavoro persi in due mesi. All’interno della galleria commerciale Fonti del Corallo di Livorno è come se fosse chiusa all’improvviso una piccola azienda.

Tutto ciò nel silenzio più assordante. All’interno della struttura inizia a materializzarsi lo spettro di una “galleria
fantasma” sempre più desolata. Stiamo assistendo a un progressivo stillicidio di posti di lavoro che non possiamo permetterci.

Di recente è avvenuta la chiusura di Pimkie e la conseguente perdita di 4 posti di lavoro. Pochi giorni fa l’addio del selfservice Camst: 15 i posti di lavoro spazzati via. A fine mese sarà Belmonte Camicie a alzare bandiera bianca (4 licenziamenti) mentre entro agosto chiuderanno Bata (6 lavoratori coinvolti) e Erboristerie d’Italia (4 addetti). In chiusura anche il negozio Motivi (3 lavoratori) e Malcom (3 addetti).

Stiamo parlando di tutte persone esperte,molte di queste operative all’interno del centro commerciale già dal 2003. Purtroppo non finirà qui. Entro fine anno chiuderanno probabilmente altri negozi e di conseguenza altri lavoratori perderanno il posto.

Livorno non può permettersi questa lenta e silenziosa emorragia occupazionale: serve un freno, bisogna salvaguardare
gli addetti che perdono il posto. Dobbiamo iniziare a considerare l’insieme di tutti i negozi della galleria commerciale come un unico polo produttivo.

E poi serve grande chiarezza sul futuro della struttura e sugli investimenti in programma. Accendiamo i riflettori sulla questione, la città deve difendere il lavoro. Ognuno si prenda le proprie responsabilità e faccia la propria parte per cercare di salvaguardare questi lavoratori.

Segreteria provinciale Filcams Livorno
Segreteria provinciale Filctem Livorno

Lascia il tuo commento