Cronaca 26 Novembre 2017

Alluvione Livorno, Grieco: “Ancora due settimane per il contributo sociale della Regione”

Emergenza Livorno, Grieco: “Ancora due settimane per il contributo sociale della Regione”

LIVORNO – “E’ importante ricordare che ci sono ancora due settimane di tempo per fare domanda per il contributo regionale destinato a chi ha subito danni dall’alluvione del 10 settembre e ha i requisiti necessari per accedere alla misura. Si tratta di un contributo sociale, non di un prestito ne’ di un risarcimento, cioè di una misura integrativa ed aggiuntiva rispetto all’intervento di ristoro nazionale che sarà erogato dal Governo. Invitiamo pertanto i cittadini interessati a procurarsi per tempo l’attestazione Isee, dato che ci sono dei tempi tecnici per l’acquisizione di tale certificazione. Nostro scopo è erogare il contributo sociale in tempi brevissimi, se possibile entro la fine di dicembre”.
Così si è espressa l’assessore regionale a Lavoro e formazione professionale, Cristina Grieco, nel corso della visita effettuata nella mattinata di oggi, venerdì 24 novembre, alla sede di Livorno del Genio civile Valdarno inferiore e Costa, dove vi è anche l’Ufficio del commissario delegato dal Governo per l’emergenza del post-alluvione, Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana.

L’assessore Grieco, dopo aver ricevuto i saluti dell’ingegnere Marco Daddi a nome del Genio civile, ha incontrato il personale di Sviluppo Toscana impegnato nel fornire assistenza alla cittadinanza e ha ricordato l’importanza del rispetto della scadenza per poter permettere agli uffici di procedere alle liquidazioni in tempi rapidi. Sviluppo Toscana è una società in-house della Regione che, attraverso una particolare procedura informatica, gestisce in tempo reale le domande che arrivano. Il termine ultimo entro cui presentare le domande è giovedì 7 dicembre.

“Questo intervento, su cui il Consiglio regionale si è espresso all’unanimità, è in linea con gli altri fatti per altre zone del territorio toscano colpite da calamità”, ha precisato l’assessore a Lavoro e formazione professionale. “Con questo contributo, che ha natura sociale, la Regione vuole andare incontro a quei nuclei familiari in maggiore difficoltà. Per questo, assieme alla scheda B, è necessario presentare la certificazione Isee. Ci sono ancora a disposizione grossomodo due settimane e perciò invitiamo i diretti interessati a non aspettare l’ultimo giorno in modo da non incorrere in file gigantesche o peggio ancora correre il rischio di arrivare fuori termine”.

Ad oggi pomeriggio quasi trecento sono le domande che sono state aperte presso Sviluppo Toscana e poco meno di duecento quelle già chiuse ed inviate alla valutazione per l’erogazione del contributo sociale.

Chi ha un importo Isee fino a 20 mila euro, può avere un contributo massimo di 8 mila euro. Per le Isee tra 20 mila e 36 mila euro la quota massima è di 5 mila euro. In entrambi i casi il contributo sociale, che è erogato dalla Regione Toscana, è rivolto ai nuclei familiari che entro lo scorso 16 ottobre hanno presentato la scheda relativa ai danni subiti dai privati e dalle associazioni senza scopo di lucro, la B, purché in presenza della citata situazione economica complessiva.
I cittadini che hanno consegnato la scheda B e hanno un’Isee per nucleo familiare inferiore a 36 mila euro, in definitiva, possono richiedere il contributo sociale della Regione Toscana compilando il modulo on-line disponibile sul sito della Regione (clicca qui) oppure possono recarsi dal lunedì al venerdì (orario 9-13 e 14-17) all’ufficio di Sviluppo Toscana presso il Genio civile di Livorno (via Nardini Despotti Mospignotti 33, tel. 055/4382911) dove saranno supportati da degli addetti nella compilazione e nell’inoltro della domanda.

CONDIVIDI SUBITO!