Cronaca 5 Agosto 2020

Arpat, previste 63 assunzioni per quest’anno, alle quali se ne potranno aggiungere altre nel 2021-22

Adottato il piano assunzioni ARPAT 2020-2022

arpatLivorno 5 agosto 2020 – Con decreto del Direttore generale del 24 luglio scorso, l’ARPA Toscana ha adottato il proprio “Piano triennale dei fabbisogni di personale (PTFP) per il triennio 2020-2022”, con il quale si definiscono le assunzioni che si effettueranno quest’anno e i due anni prossimi.

Il piano tiene conto delle risorse economiche e delle disposizioni normative vigenti, per cui non ha bisogno di ulteriori approvazioni, ma permette di effettuare le procedure di selezione pubblica e quindi di assunzione per le varie qualifiche previste.

Nel 2020 si prevede di assumere 9 dirigenti e 54 operatori del comparto, prevedendo di poter avere un organico di 662 dipendenti, 62 dirigenti e 600 operatori del comparto.

In particolare le assunzioni dei dirigenti riguardano 3 ingegneri, 2 chimici, 1 analista informatico e 3 dirigenti ambientali. Quelle del comparto interessano per 15 unità il ruolo sanitario, 34 il ruolo tecnico e 5 quello amministrativo.

Nel piano è già prevista in gran parte la destinazione del personale del comparto, 23 persone andranno nei dipartimenti territoriali che si occupano di controllo ambientale e supporto tecnico-scientifico, 10 saranno invece destinate ai Laboratori e 14 alle varie strutture specialistiche di Area Vasta (Qualità dell’aria, Mare, Geotermia, ecc.).

Il piano attuale prevede complessivamente 72 assunzioni (comprese 5 progressioni interne). Le assunzioni continueranno sia nel 2021 che nel 2022, al di là delle 4 già previste per quegli anni.

Ad inizio sia del 2021 che del 2022, la Direzione adotterà aggiornamenti del Piano triennale, stabilendo, secondo le norme allora vigenti, le ulteriori nuove assunzioni che sicuramente saranno necessarie alla luce delle cessazioni dal servizio per quiescenza  previste per i prossimi due anni.

CONDIVIDI SUBITO!
Ekom, promozioni 13-26 aprile
SVS 5x1000
Inassociazione

Lascia il tuo commento