Ambiente 18 Maggio 2022

Arriva “RI-LIFE LIvorno in FEsta per il Riuso”, prima edizione

Livorno, 18 maggio 20221

Comune di Livorno e AAMPS, in collaborazione con la Cooperativa sociale “Brikke Brakke” e il contributo della Fondazione Livorno, organizzano la prima edizione di “RI-LIFE LIvorno in FEsta per il RIuso”.

L’appuntamento è per i giorni di sabato 21 e domenica 22 maggio al Centro del riuso creativo “Evviva” in via Cattaneo 81 a Livorno (ingresso gratuito).

Due giorni di festa concentrati sul tema del riutilizzo degli oggetti ancora troppo spesso destinati allo smaltimento, invece che riportati a nuova vita, con una conseguente drastica riduzione dell’impatto sull’ambiente e dei costi che la comunità deve sostenere per il corretto conferimento di materia.

Coinvolgendo numerosi soggetti locali e non con laboratori creativi, giochi, spettacoli, musica e sorprese rivolte sia ai bambini che agli adulti, l’intento è di sensibilizzare ulteriormente la cittadinanza al consumo consapevole e, quindi, a prestare maggiore attenzione a cosa si deve effettivamente buttare e cosa invece può essere riutilizzato.

L’evento “RI-LIFE” sarà anche un’occasione di confronto con altre realtà regionali, come Capannori e Viareggio, già proficuamente impegnate nella diffusione delle buone pratiche per il corretto riutilizzo degli oggetti.

Nel corso della conferenza stampa che si è svolta questa mattina al centro Evviva, è stato presentato il programma e sono state sviluppate considerazioni sul tema del riciclo e del riutilizzo.

Il sindaco Luca Salvetti:

“Quando ho visto questo luogo approntato per accogliere cose riciclate avevo il dubbio di non riuscire a riempirlo .

Ci rientro oggi, vedo questo mondo e mi accorgo che mi ero sbagliato, che qui vive il concetto di riuso.

Riproporre, ripresentare oggetti e andarli a scovare é proprio dell’uomo e della collettività.

Ben vengano iniziative che riescono a sottolineare lavoro di Aamps e delle associazioni che collaborano con cura e attenzione a far rivivere gli oggetti, a non abbandonarli .

Ringraziamo la Fondazione Livorno che è partner del progetto e Retiambiente Spa che mette in circolo l’iniziativa, ed é piacevole far vedere anche fuori che a Livorno di sono buone pratiche”.

Giovanna Cepparello assessora all’Ambiente del Comune di Livorno: “L’idea di questo festival è molto interessante, dato che mette il tema del riuso al centro di una festa.

La comunicazione su questi temi rischia di avere un’impronta triplo moralistica, quindi serve a poco, mentree questo approccio è accattivante.

Il programma è molto ricco e giocato su vari livelli (gioco spettacolo momenti culturali) sia per grandi che per piccoli, in questo luogo vitale dove gli oggetti rinascono e che è sempre pieno di gente.

Gli oggetti hanno tanto da dare e dire, e questo percorso non semplice, rende il concetto evidente”.

C’è una iniziativa che mi preme sottolineare, quella delle magliette con lotteria per avere in cambio una bici usata”

Raphael Rossi, amministratore unico di Aamps: “Siamo in un luogo che pulsa di vita, è bello che vi sia un momento di festa che lo apra alla città e e costruisca anche un rapporto con l’esterno.

 

L’approccio è di coniugare ambiente economia e chilometro zero.

Deve anche passare il concetto che qui ci sono oggetti, ingombranti, che sarebbero stati un costo per la collettività se avessimo dovuto smaltirli, invece li riutilizziamo.

L’obiettivo è di far diventare Ri-Life un appuntamento fisso per questa città. Altro valore aggiunto: all’interno del festival ci sarà un momento di confronto fra territori grazie all’ingresso di Aamps in Retiambiente: confronteremo tre centri riuso Capannori-Lucca , Viareggio e Livorno) mettendo insieme buone pratiche ed esperienze” .

Maurizio Gatti, vicepresidente di Retiambiente:

“Presentiamo alla città questa nuova società unica dell’ambito e socio unico di Aamps .

E’ bello essere qui perché il progetto industriale di Retiambiente prevede proprio il riuso accanto a isole ecologiche, con l’obiettivo ridurre rifiuti e riutilizzare.

Questo luogo e questo festival sono l’esempio vivente : pieno zeppo di eventi che parlano di oggetti che possono essere riutilizzati, non oggetti rifiutati ma pronti per una nuova utilità che deve essere messa in evidenza .

Offre oggetti per curiosi, collezionisti, ma anche ad esempio arredi per chi è più disagiato.
Ed è importante mettere insieme esperienze al di lá dei campanili” .

 

Olimpia Vaccari, membro del Cda di Fondazione Livorno: “Siamo lieti di essere partner di questo progetto nato grazie al bando Emergenza Cultura della Fondazione.

Il riuso è importante in termini ambientali, sociali e anche storici:

pensiamo ad esempio che la Roma del Medioevo fu costruita con I frammenti di marmi dell’epoca precedente.

Nel mondo anglosassone il bric a brac è sempre stato presente, oggi il il vintage è molto amato anche da noi, soprattutto tra i giovani. Ri-Life riprende questo concetto in maniera molto originale, inserendolo nel quadro culturale del territorio con un’attenzione a tutte le sue componenti.

La Fondazione, attenta ai cambiamenti e all’evoluzione delle dinamiche culturali, accoglie con piacere la proposta di partecipare a queste operazioni”.

Federico Beconi, presidente cooperativa sociale BRIKKE BRAKKE:

“Questo progetto, nato con il bando emergenza cultura ha comportato tanti incontri per coinvolgere scuole, scuole di teatro, di scrittura. Ci piaceva l’idea di chiedere a tutti di sviluppare il tema del riuso sotto tutte le sfaccettature”.

IL PROGRAMMA

Sabato 21 maggio

ore 17.00 – 18.00

Tavola rotonda Capannori – Viareggio – Livorno: verso il coordinamento dei 3 Centri del riuso

Intervengono:

Luca Salvetti, Sindaco di Livorno

Daniele Fortini, Presidente RETIAMBIENTE

Raphael Rossi, Amministratore Unico AAMPS

Alessio Ciacci, Presidente ASCIT

Valentina Ceragioli, Presidente SEA RISORSE

Moderatore: Giovanna Cepparello, Assessora all‘Ambiente del Comune di Livorno

ore 17.00 – 19.00

Laboratorio per la costruzione di strumenti musicali. A cura di Daniele Guidotti (gruppo musicale Gaudats Junk Band)

ore 18.00 – 18.30

Saggio canoro per la narrazione degli oggetti del passato. A cura di Alessandra Falca con la partecipazione degli allunni della classe I° B delle scuole “Micali”

ore 18.30 – 19.00

Incontri d’autore Presentazione del libro “Per fare un albero ci vuole un dente” di Dario Pontuale

ore 19.30 – 20.30

Concerto del gruppo musicale GAUDATS JUNK BAND

Domenica 22 maggio

ore 15.00 – 19.00

Esperienze e laboratori sull‘economia circolare (rivolto ai bambini e agli adulti)

“Ciclofficina“ a cura della Cooperativa sociale Ulisse I cittadini possono portare biciclette da riparare

“Le cose cucite“ a cura dell‘Associalzione culturale Ippogriffo Esposizione/descrizione di manufatti in tessuto con la possibilità di fare prove pratiche con ago e filo

“La bottega dei mestieri“ a cura della Fondazione Caritas

Esposizione/descrizione di manufatti realizzati con oggetti riciclati di materiale vario

“Piante rigenerate“ a cura di Unicoop Tirreno e Cooperativa sociale BrikkeBrakke

Laboratorio pratico manuale e descrizione del percorso di recupero delle piante avviate a nuova vita

“Compostaggio domestico” a cura del Comitato Rifiuti Zero Livorno

Descrizione del funzionamento del bio-composter con la possibilità di farne richieste per l’utilizzo presso la propria abitazione

ore 16.00 – 16.45

Le Cose Narrate a cura della Scuola Carver: laboratori di scrittura creative con la narrazione degli oggetti consegnati al Centro del riuso EVVIVA

ore 17.00 – 17.45

Non si butta via niente Spettacolo teatrale a cura della compagnia “Il Grattacielo“

ore 18.00 – 19.30

Tavola rotonda La vita nelle cose

Intervengono: Matteo Aria, docente di Antropologia economica all‘Università La Sapienza, Roma Rossano Ercolini, ambientalista e presidente dell‘associazione ZeroWaste Europe Nicola Nurra, biologo marino

Moderatore: Raphael Rossi, amministratore unico

Conclusioni: Giovanna Cepparello, assessora all’Ambiente del Comune di Livorno

ore 19.30 – 20.30

Jonny e Santo: l’ultima spiaggia Spettacolo teatrale a cura di Fabrizio Brandi e Michele Crestacci. Adattamenti tematici realizzati con il supporto dell’artista Stefano Pilato

Sabato e domenica – orario continuato dalle 17.00 alle 20.00

T-Shirt Swap – Scambio di magliette senza moneta Portando una magliettase ne potrà ricevere un’altra in cambio a scelta tra quelle presenti. Ipartecipanti avranno in omaggio un biglietto per l’estrazione di una biciclettari-generata in programma domenica alle ore 19.30.

CUI-CUO-CUA

Esposizione di una produzione di oggetti “inutili“ (liberi da vincoli stilistici,pratici, metodologici) presentata dallo studio di architettura 70m2 e a cura di Federico Cavallini, Andrea d’Amore, Yonel Hidalgo Pérez, Maestro delle palle vetro, Blanca Vitale, Gianni Inoperoso, Maestro dei coltelli di vetro, Gallo il Pappa.

CONDIVIDI SUBITO!
@labrolens · Negozio di occhiali da sole e da vista
Inassociazione
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua