Cronaca 27 Marzo 2022

Ata e insegnanti con contratti covid da mesi senza stipendio, Cgil pronta all’azione legale

Scuola, contratti Covid: un centinaio di insegnanti e Ata della nostra provincia da mesi senza stipendio. Flc-Cgil: “Grave, pronti all’azione legale”

Ata e insegnanti con contratti covid da mesi senza stipendio, Cgil pronta all'azione legale

Mataresi

Livorno, 27 marzo 2022 

A Livorno e provincia ci sono almeno un centinaio di lavoratori e lavoratrici del mondo della scuola che da mesi stanno lavorando senza riscuotere il proprio stipendio: tutto ciò è grave e inaccettabile.

Stiamo parlando di quei docenti e di quel personale Ata assunto per far fronte all’emergenza Covid.

Per tutelare i diritti di questi lavoratori e di queste lavoratrici abbiamo deciso di lanciare una campagna legale al fine di ottenere l’immediato pagamento dei loro stipendi.

Con il decreto n. 21 dello scorso 21 marzo sono stati prorogati i contratti Covid per tutto il personale della scuola fino al termine delle lezioni. Un importante atto che valorizza il lavoro di questo personale, docente ed Ata, in un momento così difficile per la scuola. Un risultato importante che arriva anche grazie al lavoro della Flc-Cgil che adesso intende tutelare questo personale per fargli ottenere la riscossione degli stipendi arretrati.

Dobbiamo infatti segnalare che molti insegnanti e Ata stanno lavorando nelle scuole senza essere pagati.

 

All’interno di tutta la provincia livornese sono almeno un centinaio le persone con stipendio arretrato:

c’è chi deve riscuotere due mesi ma anche chi deve ricevere sempre la paga dello scorso dicembre.

I casi in tutta la Toscana, all’interno di ogni scuola di ordine e grado, sono centinaia.

Tutta “colpa” del fatto che per finanziare le cosiddette “supplenze brevi” c’è un specifico fondo del Ministero dell’Istruzione, con un apposito capitolo di spesa che si consuma rapidamente e che poi deve essere rifinanziato dal Ministero dell’Economia.

La situazione si era già palesata negli anni scorsi ma non aveva mai raggiunto i numeri odierni.

Una situazione inaccettabile: questi lavoratori e queste lavoratrici sono infatti costretti a pagare sulla propria pelle e con le proprie tasche le inefficienze dello Stato.

 

Per ovviare a questa situazione, in collaborazione con la Flc-Cgil nazionale, abbiamo deciso di lanciare una campagna che, attraverso azioni legali verso il Ministero dell’Istruzione, porti all’immediato pagamento degli stipendi.

Invitiamo pertanto lavoratrici e lavoratori a contattare le nostre sedi: più saremo e più la campagna avrà effetti.

Per tutti i nostri iscritti supporteremo gratuitamente quest’azione legale.

Il personale che non sta ricevendo le mensilità deve raccogliere la documentazione utile ad attestare la propria situazione.

E’ necessario presentare il contratto di lavoro, eventuali buste paga precedenti e documenti da cui si evince il regolare svolgimento della prestazione di lavoro (registro, prospetti orari, comunicazioni della scuola, piano delle attività e convocazioni, ordini di servizio, ecc..).

Invitiamo pertanto lavoratori e lavoratrici a contattare le sedi Flc-Cgil della nostra provincia per mettersi in contatto con il legale che curerà la presentazione del decreto ingiuntivo mirante ad accelerare il processo di riscossione degli stipendi.

lo dichiarano Licia Mataresi (segretaria generale Flc-Cgil provincia di Livorno) e Veronica Virgili (segreteria Flc-Cgil provincia di Livorno)

CONDIVIDI SUBITO!
Ekom, promozioni 21 giugno – 4 luglio
Banner 730 caf usb
Banner 5x1000 svs 2022
Precisamente a Cala Beach
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
Inassociazione