Cronaca 28 Novembre 2022

Barca in avaria in porto, salvati padre e figlia minore. Due poliziotti fuori servizio evitano la tragedia

porto aereaLivorno 28 novembre 2022 – Barca in avaria, salvati padre e figlia minore, due poliziotti fuori servizio evitano la tragedia

liberi dal sevizio, a bordo della propria barca, due poliziotti salvano due persone ed evitano l’affondamento della loro imbarcazione.

Due poliziotti, uno della Squadra Nautica di Livorno e l’altro dell’8° Reparto Volo di Firenze, entrambi liberi dal servizi, nel pomeriggio di ieri; si prestavamo ad effettuare un’uscita in mare con la propria imbarcazione ormeggiato presso gli Scali delle Barchette in Livorno.

Durante la fase di uscita dal varco Nord del porto notavano una barca prossima alla collisione con il molo.

A bordo c’erano due persone di cui una  attirava la loro  attenzione sbracciandosi. Preoccupati per la condizione anomala e per l’imminente collisione con il molo si avvicinavamo al mezzo in difficoltà e lanciavano subito una cima per metterlo in sicurezza.

A bordo della barca in difficoltà si trovavano un uomo (del 65) e la propria figlia minorenne entrambi in stato di agitazione.

L’uomo riferiva di essere in avaria con i sistemi di governo e che il vento, proveniente da nord, lo stava spingendo verso il molo.

Con non poche difficoltà, date dalla maggiore stazza dell’imbarcazione rispetto a quella dei poliziotti; i due agenti effettuavano diverse manovre per allontanarlo dagli scogli e mettere in sicurezza le persone a bordo.

Uno dei due poliziotti decideva di salire a bordo  per velocizzare le operazioni di soccorso mentre l’altro  rimaneva  alla conduzione del proprio mezzo.

Dato l’imminente buio, la barca in difficoltà veniva trainata presso il primo molo sicuro per dargli un’assistenza più idonea.

Durante la fase di avvicinamento al porto l’uomo  comunicava di essersi accorto di avere un’importante falla e che stava imbarcando molta acqua.

A quel punto, valutato il grave stato di pericolo che avrebbe colpito entrambe le imbarcazioni, la posizione che occupavano in quel momento, ovvero; l’imbocco di ingresso/uscita delle grandi navi,  decidevano di continuare il traino e contattare, al numero di emergenza 1530, la Capitaneria di Porto alla quale si richiedeva assistenza urgente. La Capitaneria consigliava di proseguire il traino e di portarsi presso i suoi ormeggi

Vista la primaria preoccupazione dell’incolumità del minore a bordo, della difficoltà di manovra dovuta al vento, nonché per presenza delle grandi nave ormeggiate, oltre a tutto il naviglio in transito, con i quali rischiavano continuamente possibili collisioni, solo l’efficace coordinamento tra i poliziotti con il personale della Capitaneria  ha reso possibile lo svuotamento delle sentine  ed evitare l’affondamento  del natante ed ovviamente la messa in salvo di chi era a bordo .

CONDIVIDI SUBITO!
Inassociazione