Cronaca 21 Giugno 2023

Cade il cavallo di battaglia della destra, Salvetti: “Livorno dimostra di non essere più una città fuori controllo”

Il sindaco Salvetti commenta i nuovi dati Irpet sulla sicurezza

Rapporto Irpet sulla delittuosità e sulla percezione della sicurezza in Toscana: il commento del sindaco Salvetti

I tre elementi che sono oggi alla ribalta 1) Livorno è al 33esimo posto in italia ben dietro ad esempio alla vicina Pisa che è sesta 2) i reati denunciati sono in calo del 19% rispetto al 2019 3) il senso di sicurezza dei cittadini è in netta crescita in Toscana e in città

Luca SalvettiLivorno, 21 giugno 2023

“Finalmente i numeri chiariscono il quadro della città di Livorno sul fronte sicurezza e dei reati denunciati e rendono onore al lavoro che abbiamo fatto in questi 4 anni”.

Questo il commento del Sindaco di Livorno ai tre elementi che sono oggi alla ribalta

1) Livorno è al 33esimo posto in italia ben dietro ad esempio alla vicina Pisa che è sesta
2) i reati denunciati sono in calo del 19% rispetto al 2019
3) il senso di sicurezza dei cittadini è in netta crescita in Toscana e in città.

Questi elementi giungono da  Firenze dove è stato presentato il rapporto Irpet sulla delittuosità e sulla percezione della sicurezza in Toscana.

 

L’obiettivo del documento è di fornire una panoramica aggiornata sulle tendenze e gli indicatori relativi alla criminalità e alla sicurezza in Toscana, al fine di consentire alle autorità locali e alle organizzazioni responsabili della sicurezza di conoscere i fenomeni in modo approfondito e di poter valutare i progressi e le lacune del sistema di prevenzione e contrasto alla delinquenza.

Da questa analisi emergono elementi interessanti per Livorno che servono a ricomporre e a far rivalutare giudizi spesso proposti da visioni parziali e inquinate da interessi politici.

La provincia di Livorno è al 9° posto in italia, ma la città capoluogo che è stata isolata con i suoi dati è al 33°

Per fare un esempio con Pisa, la provincia è complessivamente al 21° posto ma la città capoluogo presa in maniera puntuale è al 6° posto.

Per quel che riguarda Livorno il tasso di delittuosità, che è il numero di reati segnalati per 100mila abitanti, ci regala un dato assolutamente incoraggiante nel 2021 rispetto al 2019 anno pre covid.

C’è stata una diminuzione del 9% in ambito provinciale e addirittura del 19% per ciò che riguarda il solo capoluogo di Livorno.

In generale in Toscana, nella provincia di Livorno e anche nella sola città labronica anche la percezione del rischio criminalità da parte delle famiglie, misurata da ISTAT attraverso l’indagine “Aspetti della vita quotidiana”, è in continua diminuzione dal 2016 e nel 2021 raggiunge il valore più basso registrato dal 2005, solo il 18,6% degli intervistati dichiara di percepire, molto o abbastanza, il rischio di criminalità nella propria zona di residenza.

Aumenta la percezione di sicurezza nel camminare di sera da soli e diminuisce la percezione del degrado nel proprio quartiere.

“I numeri sono interessanti – dice il Sindaco Luca Salvetti – soprattutto perché su quelli non si possono imbastire le ormai note battaglie politiche che la destra porta avanti in tutto il paese all’insegna degli slogan come “città fuori controllo” e “quartieri in mano alla criminalità”.

Livorno ha un quadro chiaro dove il controllo esiste e porta anche a risultati eccellenti sul fronte individuazione denunce e arresti di chi compie reati.

 

Ci sono indubbiamente, come in ogni luogo del paese, delle criticità in alcune parti della città sulle quali forze dell’ordine e amministrazione, ognuno con le proprie competenze che non possono essere confuse, stanno operando in maniera concreta. Questa è la nostra forza composta dall’attenzione e dall’impegno quotidiano”.

SVS 5x1000 2024
Inassociazione