Cronaca 16 Settembre 2020

Casi covid a scuola all’Elba, Forza Italia: “Ma era il caso di tenere aperte le scuole?”

de-santi-forza-italiaIsola d’Elba (Livorno) 16 settembre 2020 – “Ma era il caso di prendere tutti questi rischi e tenere aperte le scuole nonostante; i due casi di Covid accertati a Portoferraio su due giovani studenti”?

La domanda, che rimbalza da ore fra l’opinione pubblica e sui social, è stata sollecitata dall’ex sindaco di Rio nell’Elba e assessore della giunta Ferrari a Portoferraio Claudio de Santi, esponente di Forza Italia, ed a rispondere è Elisa Amato, ex provveditore agli studi di Livorno, candidata per Forza Italia nella circoscrizione di Livorno alle prossime elezioni regionali.

“Il caso di Covid accertato in una famiglia composta altre cinque persone, tutte risultate poi positive – ricorda la dottoressa Amato – era stato già paventato dal sabato precedente alla riapertura delle scuole, ed i due ragazzi si sono presentati regolarmente a scuola lunedì mattina, per poi uscire poco tempo dopo alla notizia della positività del congiunto.

Massimo rispetto per il lavoro svolto da dirigente scolastico, docenti e tutto il personale che con un lavoro incessante hanno consentito l’apertura della scuola, ma in particolare:

l’ Azienda USL chiarisca i ritardi nel fornire gli esiti dei tamponi; così si rischia di vanificare i passi fatti finora.

E’ importante in queste situazioni la tempestività e la immediatezza.”

“Inoltre, a nostro avviso,  aggiunge Riccardo Petraroja, anch’egli candidato per Forza Italia nella circoscrizione di Livorno alle prossime elezioni regionali:

sarebbe stato opportuno far sottoporre al tampone almeno i compagni di classe dei due ragazzi ed il personale scolastico che è stato a contatto con loro, se non addirittura chiudere per un giorno le scuole interessate per poter fare le sanificazioni e gli accertamenti del caso.

Quello che sta accadendo in tutta Italia in queste ore nelle strutture scolastiche dovrebbe essere sufficiente ad imporre la massima cautela”.

“E’ parsa evidente a tutti la forzatura di aprire a tutti i costi a metà settembre le scuole in Toscana, con la stagione turistica ancora in pieno corso – ha commentato infine Claudio de Santi – e anche questo atteggiamento di voler tenere a tutti i costi aperti dei plessi dove sono stati degli studenti positivi al Covid appare esagerato, quasi si volesse compiacere il ‘diktat’ del governatore Rossi di mandare tutti a scuola ad ogni costo, nonostante ci siano le elezioni regionali per le quali le scuole che ospitano i seggi (quasi tutte) chiuderanno di nuovo venerdì 18 e riapriranno mercoledì 23. Si vuole dimostrare efficienza a tutti i costi, mentre la politica dovrebbe fare un passo indietro quando in ballo c’è la salute delle persone e di un’intera comunità”.

CONDIVIDI SUBITO!

Lascia il tuo commento