Cronaca 11 giugno 2018

Caso migranti, Nogarin va contro il Governo (ma a titolo personale)

Livorno è di nuovo alla ribalta della cronaca nazionale e, come troppo spesso accade, in chiave negativa.

Il “merito” stavolta è del sindaco Filippo Nogarin, il quale  ha dato la sua disponibilità via Facebook ad accogliere autonomamente la nave Acquarius con i suoi oltre 600 migranti, ma poi – senza aggiungere altro –  ha cancellato il post.

Una circostanza notata da molti e finita sulle prime pagine dei quotidiani on-line italiani.  Come prevedibile, ne è scaturito un putiferio: la sinistra è insorta accusandolo di debolezza politica, la destra lo ha irriso definendolo “social confuso”, e M5S tace (in evidente imbarazzo).

E Nogarin che dice? Ha affermato che la sua era una posizione personale e che ha ritirato il post per non danneggiare il lavoro del Governo.

Se questo voleva essere un gesto per far benvolere Livorno da Palazzo Chigi, sicuramente siamo partiti col piede sbagliato. Le opinioni personali forse non andrebbero espresse dalle pagine social istituzionali, perché le ricadute pesano poi su tutta la città, nel bene e nel male.

Nogarin spiega il perché del suo passo indietro in questo breve video.

Aquarius, Livorno Porto Libero e il post cancellato: le ragioni di Filippo Nogarin

Aquarius, Livorno Porto Libero e il post cancellato: le ragioni del sindaco di Livorno Filippo Nogarin#aquarius #nave #accoglienza #FilippoNogarin #Livorno, #portoaperto #migranti #ripensamento #ragioni #post #cancellato #Facebook #politica #m5s #Italia #politica #immigrazione

Gepostet von Livorno Press am Montag, 11. Juni 2018

 

Il post facebook

Lascia il tuo commento