Ambiente 30 Luglio 2018

Cassonetti convertiti, “Sono incompatibili con il PaP”

Rifiuti zero chiede incontro con AAMPS

Cassonetti convertiti per la differenziata in centro città, Rifiuti zero “non ci sta”

 

Il Coordinamento Rifiuti Zero Livorno è contrario ai cassonetti convertiti per la raccolta differenziata in centro città, tanto da richiedere un confronto con l’azienda AAMPS. Di seguito le motivazioni di Rifiuti Zero:

“Per quanto riguarda la raccolta porta-a-porta, nonostante nel maggio scorso sia stato sottoscritto un protocollo d’intesa tra Aamps e CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi) per la pianificazione della stessa all’interno del centro storico, è stato pubblicato un bando di gara Aamps che offre un corrispettivo di oltre 500mila euro per riconfigurare 400 vecchi cassonetti stradali, dotandoli di apertura con tessera magnetica.

Tale sistema stradale non è compatibile con quello porta-a-porta, che nei centri urbani con problemi di spazio viene sempre supportato da piccole isole ecologiche e servizi mobili come gli eco-bus.

Utilizzare i vecchi cassonetti stradali “riconfigurati” (cassonetti convertiti) in alcune aree della città rischia invece di esporre quelle zone al ben noto “turismo” dei sacchetti dalle zone porta-a-porta limitrofe, oltre a costituire un messaggio discordante per i cittadini degli altri quartieri, ai quali per mesi è stato giustamente spiegato che il porta-a-porta è necessario per ottimizzare la raccolta differenziata.

Senza contare che i cassonetti riconvertiti con tessera si trasformano in piccole discariche per mano di chi è privo della tessera, oppure vengono danneggiati ripetutamente per mantenerli sempre aperti, come accaduto recentemente a Tirrenia, con continui costi di riparazione e sostituzione.

Per questo motivo i cassonetti convertiti si sono rivelati fallimentari ovunque siano stati installati, mentre il porta-a-porta è stato organizzato con successo anche in moltissimi centri urbani con problemi logistici analoghi a quelli di Livorno.

Sul tema dei cassonetti convertiti, chiediamo un confronto costruttivo con Aamps in un incontro organizzato dal Comune di Livorno, per contribuire ad accompagnare il percorso verso Rifiuti Zero, tutelando la salute dei cittadini, il decoro urbano, l’ambiente e la sostenibilità economica della gestione dei rifiuti sul nostro territorio”.

CONDIVIDI SUBITO!