Cronaca 21 Aprile 2022

Come una legge ti cambia la vita. “Isolata e sola con il suo dolore” Parla la maestra demansionata

Non ha fatto la terza dose per motivi di salute

Livorno 21 aprile 2022

Ecco come una legge dello stato ti cambia la vita se lavori e non puoi fare la terza dose per motivi di salute. Dal racconto fatto, la vita ti cambia come dalle stelle alle stalle, sembra che lo stato ti punisca come se uno fosse un untore, togliendoti anche la dignità, relegandoti isolata in una stanza in una sorta di isolamento forzato.

Le parole della maestra:

Sono un docente di Scuola Primaria presso l’Istituto Micheli Bolognesi di Livorno anzi… lo ero… perché d’un tratto la mia vita è cambiata per effetto del decreto riaperture (Dl. 24 24/03/22) e pochi giorni fa sono stata demansionata d’ufficio dal Dirigente Scolastico causa “inidoneità al lavoro” per non aver effettuato la terza dose di vaccino in ragione di valori ematici prima normali e, successivamente alla prima dose che ho ricevuto (dopo aver contratto il Covid nel 2020) risultati alterati.

Alterazioni riconducibili, secondo la letteratura medica, ad una trombosi venosa profonda che ho segnalato ad AIFA.

Questo decreto paradossalmente ha consentito ai Dirigenti Scolastici e personale ATA non vaccinati di rientrare a scuola con tampone negativo (DS ed ATA sono in continuo contatto con docenti, genitori e bambini) mentre a noi docenti tutto ciò non è permesso!

Si sostiene che noi docenti dobbiamo dare il buon esempio e ci puniscono con l’inidoneità lavorativa che ci viene attribuita d’ufficio dal Dirigente Scolastico; tuttavia in base all’art. 8 del Contratto Collettivo Nazionale Integrativo del 28 Giugno 2008, l’inidoneità può essere accertata solo da apposita commissione medica e su domanda del docente stesso.

 

Io però non ho presentato domanda alcuna!

Mi è stato revocato d’ufficio il Contratto Collettivo Istruzione applicato all’atto del superamento di un Concorso a Cattedra!

Insegnavo con amore in una classe V, ero felice con i miei bambini, le colleghe… in classe risuonavano le voci scaturite dalle nostre attività, i suoni delle nostre percussioni, gli applausi di gratificazione per i successi formativi; i genitori ed alcuni docenti mi cercano, è stato detto loro che ero assente in classe perché malata.

Non è vero! Sono stata demansionata per una legge dello stato e non sono più un docente!

 

Adesso, da un’apposita stanza dove non posso stare a contatto con alcuno, di tutto questo percepisco soltanto un eco. I ricordi sono sfumati, nessuno più mi chiama… sono sola con il mio dolore, in una situazione paradossale, assurda… la disperazione mi assale… non potrò accompagnare per mano i miei bambini alla Scuola Secondaria di Primo Grado.

Ho provato ad implorare di non farmi questo, ma mi sono vista “decontaminare in faccia” la scrivania ove ero poco prima seduta… non sono ammalata! Ho appena fatto un tampone! Potrei ancora dare moltissimo ai miei alunni. Perché tutto questo? Perché!!!

CONDIVIDI SUBITO!
Ekom, promozioni 21 giugno – 4 luglio
Banner 730 caf usb
Banner 5x1000 svs 2022
Precisamente a Cala Beach
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
Inassociazione