Ambiente 16 Giugno 2020

“Con i fanghi del porto ci rifaranno le spiagge di Tirrenia?”

Toscana a Sinistra presenta una mozione contro la nuova delibera regionale

rimpascimento spiaggeFirenze 16 giugno 2020 – Mozione di Toscana a Sinistra contro la nuova delibera regionale che autorizza interventi di ripascimento costiero con i sedimenti fangosi della Darsena Europa

“La Regione Toscana ha modificato di soppiatto le regole per gli interventi contro l’erosione costiera stabilendo che:

d’ora in poi sui litorali toscani potranno essere sversate grandi quantità di sedimenti fangosi, proprio come quelli provenienti da lavori di escavazione di Darsena Europa”.

La denuncia arriva da Tommaso Fattori, candidato presidente della regione per Toscana a Sinistra.

Fattori assieme al collega Paolo Sarti punta il dito sulla delibera regionale del maggio scorso che ha cambiato alcune regole per l’utilizzo e lo smaltimento dei sedimenti marini.

 

“Dopo aver buttato via soldi per anni con interventi contro l’erosione inefficaci ed effettuati con tecnologie obsolete, adesso la Giunta regionale cambia una regola fondamentale, senza fornire motivazioni scientifiche”, spiega Fattori.

“Ripascere gli arenili utilizzando sedimenti di escavo di fondali marini con una frazione pelitica fino al 50 percento, includendo quindi anche sedimenti estremamente fangosi, significa non solo ignorare le buone pratiche di intervento che vorrebbero una perfetta coincidenza tra il sedimento prelevato e quello del sito di destinazione, ma anche aumentare considerevolmente la torbidità delle acque e il rischio di inquinamento, causando gravi problemi ai tratti di litorale interessati”.

“In pratica si intorbiderebbero e si inquinerebbero le acque a norma di legge.

Abbiamo il fondato sospetto che questa decisione sia stata presa per risolvere il problema dello smaltimento a basso costo di vari milioni di metri cubi di sedimenti fangosi che saranno prodotti dai futuri lavori di realizzazione della Darsena Europa del porto di Livorno.

E a ricevere questo bel regalo sarà il litorale pisano”.

Il gruppo Toscana a Sinistra ha presentato una mozione urgente che chiede di tornare a utilizzare soltanto i sedimenti di escavo di fondali marini con una frazione sabbiosa-ghiaiosa superiore all’80 percento per il ripascimento delle cosiddette ‘spiagge sommerse’, scongiurando lo spargimento di fanghi a ridosso degli arenili.

“Di fatto si tratta semplicemente di tornare al limite di pelite stabilito dalle norme precedenti, salvando le nostre spiagge”, conclude Fattori.

CONDIVIDI SUBITO!
Banner laboratorio ottico Labrolens
Ekom, promozioni 12-25 ottobre
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
SVS 5x1000
Inassociazione