Cronaca 29 Luglio 2017

Il Consorzio Nautico chiede un cambio delle regole per l’accesso alla Meloria

 Segnala anche che il  regolamento  sarebbe stato approvato in modo irregolare e chiede al sindaco di intervenire

Apprendiamo con soddisfazione che finalmente sono state collocate le boe luminose che delimitano la zona A dell’area marina protetta Secche della Meloria. La realizzazione concreta di tale infrastruttura rappresentava infatti una condizione necessaria al fine di garantire la delimitazione di un sito il cui accesso è vietato alla nautica da diporto e di conseguenza sanzionato.

Il Consorzio Nautico di Livorno ha sempre chiesto la lungamente annunciata apposizione delle boe in questione, addirittura fin dall’istituzione ufficiale dell’Area Marina Protetta. Com’è noto, le secche, presenti in quel tratto di mare rappresentano  il tradizionale approdo per tanti livornesi amanti della balneazione e della pesca sportiva e amatoriale. La distanza minima da terra, intorno alle 3 miglia marine, rende appetibile tale meta a qualsiasi tipo di natante, permettendo un accesso agevole anche a chi non è dotato di strumenti di rilevazione di coordinate nautiche.

 Ci risulta che sia stato approvato un regolamento per l’accesso all’area, sul quale ci è stato impedito di esprimere una nostra opinione, essendo stato approvato addirittura, in assenza della Commissione di Riserva. Le menzionata Commissione, in realtà mai istituita, avrebbe in teoria dovuto riunire istituzioni, soggetti scientifici e soggetti sociali interessati ad esprimere le proprie opinioni: tali posizioni avrebbero poi avuto un peso nella compilazione della normativa. Visto che questa fase consultiva non si è mai verificata, il regolamento così com’è stato ufficilizzato ad oggi riporta molto indietro, stravolgendola completamente, la discussione sull’uso di quell’area.

In tempi non sospetti, la nautica livornese aveva chiesto e ottenuto dall’allora Sindaco Cosimi di poter sfruttare lo spazio intorno alle torri fino a circa mezzo miglio oltre le stesse, vale a dire lo storico luogo di fruizione per i diportisti. L’intendimento generale era  quello di rimanere entro tali confini per evitare proprio un principio di regimazione delle presenze, lasciando la massima libertà alle barche di ancorare dove consentito, praticare  la balneazione e la piccola pesca sportiva, amatoriale e ricreativa.

La cosa di cui ci siamo preoccupati è la salvaguardia di una tradizione antica, che non è mai stata di peso al deterioramento ambientale. Tant’è vero, ad esempio, che  che non si è mai avvertita anche minimamente una riduzione dei campi di posedonia che popolano i fondali delle Secche.

Riteniamo perciò necessario conservare il tradizionale uso di quell’area per preservare la trasmissione anche futura di una cultura antica e tutta locale: un vero patrimonio della storia nautica di Livorno. Per questo motivo abbiamo chiesto al Comune di Livorno, incontrando di persona il Sindaco Nogarin e gli assessori   Aurigi  e Vece, che la stessa Amministrazione si faccia quanto prima promotrice di modifiche  al regolamento ‘incriminato’. E’ tanto necessario quanto urgente semplificare le procedure ed evitare inutili sprechi di tempo per affrontare passaggi burocratici che risulterebbero gravosi anche dal punto di vista economico.

Secondo la posizione del Consorzio, più volte ribadita pubblicamente, sarebbe sufficiente consentire agli aventi diritto, ovvero i cittadini residenti a Livorno, Collesalvetti e Pisa, di navigare in tutta l’area B senza necessità di chiedere superflui permessi all’ente gestore. Idem per quanto concerne anche le parallele attività di ormeggio/ancoraggio, balneazione, pesca amatoriale e sportiva. Il tutto condividendo al massimo la necessità di tutelare l’ambiente marino e controllare che nell’area marina protetta vi sia il massimo rispetto delle regole da parte di ciascun frequentatore.

Piero Mantellassi

Presidente Consorzio Nautico di Livorno

CONDIVIDI SUBITO!

Lascia il tuo commento