Corsini scommette sui RO/RO per il futuro del porto

Il presidente dell’ADSP dell’Alto Tirreno parla alla prima puntata di Porto Aperto

Corsini: Per il futuro di Livorno scommetto sui rotabili

Se dovessi scommettere per il futuro di Livorno su un traffico in particolare, punterei tutto sui RO/RO. Lo scalo labronico è una piattaforma straordinaria”. È stata questa la risposta che il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale dell’Alto Tirreno, Stefano Corsini, ha fornito ad una domanda rivoltagli da una studentessa del Nautico.

Nella Sala Ferretti della Fortezza Vecchia, Corsini si è confrontato con un centinaio di ragazzi provenienti dal Nautico e dal Vespucci. “A Livorno – ha detto – stiamo insistendo non già da oggi sui collegamenti ferroviari, tanto utili al traffico in container ma anche a quello rotabile. Il progetto definitivo relativo allo scavalco, ovvero al collegamento tra il porto di Livorno e l’Interporto Vespucci è pronto, inoltre stiamo progettando con RFI i collegamenti tra Interporto e la Collesalvetti-Vada che ci permetterà di approcciare il passante appenninico attraverso Pisa e di lì arrivare direttamente in Pianura Padana”.

Sul traffico rotabile Corsini è stato chiaro: “Da quando cominceremo a sviluppare le opere marittime e i dragaggi propedeutiche alla realizzazione della Piattaforma Europa, l’imprenditore lungimirante che si volesse impegnare in una operazione di project fincing potrebbe già avere disponibile la piattaforma di base per realizzare il terminal delle autostrade del mare. Livorno è un porto maturo che attende di poter sviluppare la Piattaforma Europa per traguardare il futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *