Cronaca 16 Gennaio 2021

“Costretti a chiudere le attività senza aver ricevuto aiuti sufficienti”

La denuncia del comitato "Tu Ci Chiudi Tu Ci Paghi"

Tu Ci Chiudi Tu Ci PaghiLivorno 16 gennaio 2021

Il comitato Tu Ci Chiudi Tu Ci Paghi:

“A un anno dall’inizio della pandemia ci troviamo in una situazione di disastro economico, sociale e sanitario dovuto alle mancanze di questo governo e di quelli precedenti.

La sanita è al collasso per colpa dei continui tagli subiti (40 miliardi di euro e 43mila posti di lavoro).

I piccoli commercianti, le partite IVA, i lavoratori autonomi sono stati costretti a chiudere le loro attivita senza ricevere aiuti sufficienti.

 

Disoccupati e lavoratori in nero, privati di ammortizzatori sociali,  si ritrovano completamente senza un sostegno economico.

La scuola è stata la prima cosa a chiudere per una mancata organizzazione e tagli sempre piuÌ consistenti che hanno portato a: sovraffollamento nelle classi, spazi insufficienti, trasporti inadeguati e personale scolastico precario.

Oggi l’Italia spende il 3,6% del Pil a fronte di una media europea del 5% e l’istruzione eÌ nelle mani dei privati.

Quello che stiamo subendo eÌ un ricatto, chi ci governa ha deciso che siamo sacrificabili come consumatori, lavoratori e studenti.

E mentre al popolo vengono chiesti continui sacrifici, ci sono persone che hanno guadagnato miliardi anche durante la pandemia, aumentando il loro fatturato del 30% solo nel 2020.

Con una tassazione minima dello 0,2% sui grandi patrimoni, si potrebbe garantire la sopravvivenza alle persone, non si parla di tassare piccoli risparmiatori, ma persone che la crisi non li ha neanche sfiorati, invece siamo costretti a scegliere tra lavorare o essere in salute.

La salute è un diritto!

 

L’unico modo per fermare i contagi e salvare le vite è garantire un reddito perchè nessuno sia costretto a scegliere se morire di Covid o di fame!”

CONDIVIDI SUBITO!
EKOM Promozioni 11-24 maggio
SVS 5x1000
Inassociazione

Lascia il tuo commento