Cronaca 17 Maggio 2020

Dal 1° giugno riapriranno in sicurezza tutti i centri diurni presenti sul territorio

Laura Brizzi, direttrice del Dipartimento Servizio Sociale, non autosufficienza e disabilità

Laura Brizzi, direttrice del Dipartimento Servizio Sociale, non autosufficienza e disabilità

Toscana (Livorno), 17 maggio 2020  – Riapriranno lunedì 1° giugno tutti i centri diurni per persone con disabilità presenti sul territorio dell’Azienda USL Toscana nord ovest.

Lo comunica la direttrice del Dipartimento Servizio Sociale, non autosufficienza e disabilità Laura Brizzi, spiegando che il riavvio delle attività di queste strutture semiresidenziali, avverrà in sicurezza per ospiti ed operatori.

“Stiamo entrando nella fase due – sottolinea la direttrice – la Regione Toscana con l’ordinanza numero 49 e con la delibera del 4 maggio scorso ha dato un segnale importante anche per le persone con disabilità, che hanno molto sofferto per l’emergenza Covid-19 e per le misure di distanziamento sociale, non potendo più frequentare i loro luoghi abituali.

La Regione ha quindi dato alle Aziende sanitarie l indicazione di riaprire quanto prima queste strutture.

L’Asl, ha elaborato una procedura operativa che indica quali sono le migliori azioni perché le persone con disabilità possano tornare a frequentare i centri in sicurezza.

 

La procedura è riportata in una delibera aziendale che abbiamo firmato il 14 maggio 2020.

l protocollo definito dalla Regione, la quale ha anche messo a nostra disposizione un importante finanziamento, circa un milione di euro diviso tra le dieci zone, per supportare i gestori dei centri diurni anche economicamente e garantire una ripresa rapida e sicura.

Faremo anche una campagna di test sierologici sia per il personale che per gli ospiti e ripeteremo questi esami ogni 15 giorni”.

“A partire dal 1° giugno – continua la direttrice – potremmo così dare la possibilità a 938 persone con disabilità di tornare a frequentare i centri diurni, distribuiti capillarmente sul territorio dell’Azienda USL Toscana nord ovest. La ripresa delle attività permetterà inoltre il rientro al lavoro in sicurezza di 425 operatori.

Sempre il 1° giugno e con la stessa procedura, riapriranno anche i centri diurni per la salute mentale.

Garantiremo così alle 882 persone con una disabilità di tipo psichico di poter frequentare nuovamente i loro luoghi di vita, insieme ai 109 operatori che li seguono e che potranno, anche loro, tornare al lavoro in sicurezza.

Credo che sia un segno di civiltà, da parte della Regione Toscana e delle Asl, aver pensato alle persone che, insieme alle loro famiglie, maggiormente hanno sofferto per il forzato isolamento ed il distanziamento sociale, imposti dall’emergenza Coronavirus”.

CONDIVIDI SUBITO!
@labrolens · Negozio di occhiali da sole e da vista
Inassociazione
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua