Boxpress 17 Febbraio 2021

Disabili nello spazio, l’Esa cerca “Parastronauti”. E’ finita l’era dei top gun, contano solo grandi competenze e intelligenze 

astronautaMondo – Livorno 17 febbraio 2021

Anche se sulla Terra ci sono ancora molti ostacoli per chi è disabile, si aprono nuove prospettive e nuove frontiere

Lo spazio non è più prerogativa dei top gun ma sarà aperto a tutti, anche a chi ha delle disabilità

La disabilità non è più un ostacolo, ora si potrà anche andare nello spazio.

Si spalanca dunque una nuova porta che dà accesso allo spazio, e questa volta è più grande e più inclusiva

L’Agenzia spaziale europea (Esa) ha annunciato le selezioni per assumere nuovi astronauti a partire dal 31marzo.

Per la prima volta nella storia della civiltà spaziale, chi avrà gli indispensabili requisiti di istruzione e psicologici, potrà accedere alle selezioni anche in virtù di una disabilità fisica (statura o gravi deficienze agli arti inferiori).

Questo perchè per l’Esa, l’obiettivo non è tanto quello di avere un uomo perfetto nello spazio, ma vuole un sistema che non accetti più di tagliare fuori grandi competenze e intelligenze

Nel programma dell’Esa, oltre alla stazione spaziale, ci sono in programma collaborazioni internazionale che porteranno gli astronauti sulla Luna e poi su Marte

 

CONDIVIDI SUBITO!
Banner laboratorio ottico Labrolens
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
Ekom, promozioni 14-27 settembre
SVS 5x1000
Inassociazione

Lascia il tuo commento