Il dossier delle Brigate di Solidarietà Attiva

Il rapporto è scaricabile e riporta le analisi dei terreni appena dopo l’alluvione

Quanto segue è il comunicato ufficiale delle Brigate di Solidarietà Attiva:

“Come Gruppo Ricerca e Inchiesta delle Brigate di Solidarietà Attiva, oggi abbiamo pubblicato un dossier nel quale denunciamo le inadempienze e le responsabilità di Eni ed istituzioni locali rispetto alla contaminazione da idrocarburi pesanti avvenuti a seguito della drammatica alluvione che ha colpito la città di Livorno.
Non abbiamo soltanto spalato fango in quei giorni portando solidarietà attiva, ma abbiamo anche fatto inchiesta facendo fare esami in laboratorio a campioni prelevati sul terreno di cortili e case adiacenti alla Raffineria di Stagno, territorio da sempre a rischio ambientale e idrogelologico.
Emergono responsabilità che secondo noi non possono essere taciute.
Chiediamo trasparenza e giustizia, chiediamo che il territorio dei comuni di Livorno e Collesalvetti sia messo in sicurezza e che sia fatta piena luce su quanto è successo quella notte all’interno e all’esterno dell’impianto Eni.

Per questo, per pretendere la partecipazione attiva dei cittadini a tutte le decisioni che prenderanno le istituzioni e la piena trasparenza nella destinazione dei fondi per i risarcimenti, invitiamo tutt* a scendere in piazza, al fianco delle popolazioni colpite, nel grande Corteo dei Comitati post #AlluvioneLivorno  SABATO 18 NOVEMBRE con concentramento alle ore 17 in piazza del Municipio a Livorno.

#ALLUVIONELIVORNO
#dalpopoloperilpopolo #piegarsigiammai

DOSSIER COMPLETO: [Alluvione Livorno] Salute, inquinamento e rischio di incidenti: i fattori ignorati dalle istituzioni

http://brigatesolidarietaattiva.net/2017/11/14/alluvione-livorno-salute-inquinamento-rischio-incidenti-fattori-ignorati-dalle-istituzioni/

evento corteo sab 18 nov: https://www.facebook.com/events/192265994668360/

Un pensiero riguardo “Il dossier delle Brigate di Solidarietà Attiva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *