Cronaca 9 Marzo 2021

Due minori stranieri ospitati al Melo, il Comune ha risposto all’appello lanciato dalla Comunità di Sant’Egidio

Iniziativa di Comune di Livorno e Comunità di S. Egidio

Accoglienza, Livorno partecipa al progetto “Corridoi umanitari dalla Grecia”

Due minori stranieri non accompagnati saranno ospitati nella struttura comunale “Il Melo”

 

Il meloLivorno, 9 marzo 2021

L’Amministrazione comunale ha risposto all’appello lanciato dalla Comunità di Sant’Egidio di Livorno e Pisa per l’adesione al progetto “Corridoi umanitari dalla Grecia”, a favore di rifugiati e richiedenti asilo provenienti da paesi coinvolti in conflitti bellici.

In particolare, la Comunità di S. Egidio ha proposto l’accoglienza, presso strutture comunali, di due minori stranieri non accompagnati.

Si tratta di minori ospitati nei campi profughi presenti in Grecia, tra i quali quello, importante, nell’isola di Lesbo.

Negli ultimi anni la Comunità di S. Egidio ha sviluppato numerose iniziative umanitarie per questi profughi, in particolare ha supportato la Santa Sede nel trasferire dai campi tante persone bisognose e trovar loro una collocazione dignitosa (è sempre vivo il ricordo del gesto di papa Francesco che, nella primavera del 2016, sul volo di ritorno dall’isola di Lesbo, decise di portare con sé tre famiglie di profughi siriani).

Da queste esperienze è scaturito anche un protocollo, sottoscritto nel settembre scorso dal Capo Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione del Ministero dell’Interno e dal Presidente nazionale della Comunità di S. Egidio, per favorire, in modo legale e in condizioni di sicurezza, l’arrivo di richiedenti protezione internazionale, con particolare attenzione ai soggetti più vulnerabili per i quali risulta necessario un percorso di inclusione e stabilizzazione sociale, culturale e linguistica, sperimentando anche nuove forme di accoglienza.

Il Comune di Livorno, con delibera approvata dalla Giunta Comunale, si è impegnato ad accogliere i due minori, individuati dalla Comunità di S. Egidio, presso la struttura comunale “Il Melo”, una comunità a dimensione familiare per l’accoglienza residenziale temporanea di bambini e adolescenti che necessitano di aiuto e di sostegno affettivo e educativo.

 

Il Comune si è anche impegnato a sostenere il costo delle due rette, con le risorse già stanziate per l’affidamento dei servizi di accoglienza minori presso centri diurni, comunità familiari e altre strutture comunali.

“Un impegno concreto – dichiara l’assessore al sociale Andrea Raspanti – affinché bambini e ragazzi che fuggono da condizioni invivibili di guerra e sofferenza abbiano, sul nostro territorio, una seconda opportunità. Un modo di onorare la storia della nostra città”.

CONDIVIDI SUBITO!
EKOM Promozioni 11-24 maggio
SVS 5x1000
Inassociazione

Lascia il tuo commento