Cronaca 1 Dicembre 2018

Ecco il Calendario dei Carabinieri 2019

È stato presentato dal comandante provinciale, Col. Alessandro Magro, il calendario 2019 dell’Arma dei Carabinieri.

Il Calendario, divenuto ormai un oggetto di culto, è nato nel 1928, dopo l’interruzione post-bellica dal 1945 al 1949, il Calendario tornò ad essere edito nel 1950 e da allora è stato puntuale interprete, con le sue tavole, delle vicende dei Carabinieri e della stessa Storia d’Italia. La presentazione ha svelato il tema di quest’anno: il volto di un carabiniere sarà il protagonista di ogni mese, accompagnato dalle immagini dei luoghi d’Italia patrimonio Unesco. 

La pubblicazione ha una rilevanza particolare per la famiglia dell’Arma, costituendo motivo di coesione attorno a un oggetto semplice eppure significativo, poiché ispirato ai valori nei quali si riconosce ogni carabiniere, da un capo all’altro d’Italia.

Questa edizione è stata pensata per la ricorrenza dei 40 anni dell’inserimento del primo sito italiano nel Patrimonio mondiale dell’Umanità e, parallelamente dei 50 anni dalla nascita dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale; ma il calendario presentato oggi sarà sicuramente molto apprezzato dai livornesi: la tavola del mese di marzo infatti è dedicato al G.I.S., il Gruppo di Intervento Speciale, e quella di luglio ai parà del Tuscania, entrambi con sede  a Livorno. 

Quest’anno, infine, anche uno scopo benefico: parte dei proventi del calendario da tavolo sarà devoluta all’ospedale Gaslini, come segno di attenzione alla città di Genova, colpita dal crollo del ponte Morandi il 14 agosto scorso. 

Le tavole del Calendario sono state ideate e realizzate sotto la direzione artistica di Silvia di Paolo.

CONDIVIDI SUBITO!

Lascia il tuo commento