Politica 31 Agosto 2022

Elezioni – Boldrini (PD): “Non esiste la destra ma un’ultradestra, sono oscurantisti sui diritti, la stessa donna per loro è una fattrice”

Le parole della Boldrini in video conferenza durante la presentazione dei candidati PD a Livorno

Livorno 31 agosto 2022

Non esiste una destra, c’è un’ ultradestra, è così che Laura Boldrini ex presidente della Camera e capolista al plurinominale Arezzo, Siena, Grosseto e Livorno inizia la sua video conferenza alla presentazione dei candidati del PS a Livorno

La Boldrini felice di essere candidata in una terra democratica (la Toscana), lancia un allarme e descrive le differenze tra il programma PD e quello della destra mettendo in guardia gli italiani sul loro futuro puntando soprattutto il dito sull’oscurantismo dei diritti

Laura Boldrini fa alcuni esempi su temi principali:

1 – L’ambiente per noi è un tema centrale, la destra non riconosce che c’è in atto un cambiamento climatico e ralllenta tutte le misure indispensabili da attuare oggi

2 – Europa, la Meloni ha pronta una legge che se dovesse venire approvata, noi domani saremmo fuori dall’Europa

3 – Il posizionamento internazionale: qui su queste elezioni ci sono delle interferenze internazionali da parte della Russia e quando lo abbiamo denunciato la destra è stata indifferente e ci ha fatto sopra pure ironie

4 – La destra vuole il presidenzialismo, questo al PD non va bene, riteniamo che se si dovesse cambiare la Costituzione si dovrebbe fare il Senato delle Regioni e delle autonomie locali oppure la sfiducia costruttiva

Ma la partita in cui tra destra e sinistra c’è un abisso di differenza è quella sui diritti 

Laura Boldrini prosegue. – La donna per la destra è madre, angelo del focolare, esiste come procreatrice. Ispirandosi a Viktor Orbán, le donne che fanno più figli hanno diritto all’esenzione delle tasse, quindi proprio donna fattrice. Poi gli esempi sarebbero tanti riguardo anche agli altri alleati, parlo del polacco, ma anche di Putin e di come  considera la stessa figura femminile; ha anche depenalizzato la violenza domestica. Poi invece c’è la dimensione del PD

Per il PD la donna è: portatore di diritti come donna e non necessariamente come madre, se procrea. Nel programma del PD abbiamo messo un piano straordinario per l’occupazione femminile. La legge sulla parità salariale che noi abbiamo approvato, adesso va implementata. Vogliamo anche  il congedo parentale paritario tra uomini e donne

Nel pacchetto del PD c’è poi anche tutto il programma anti violenza e nulla di tutto questo si ritrova nel programma della destra

Nel nostro pacchetto c’è anche il ddl Zan, la legge contro i crimini di odio che come avete visto,  al Senato la destra ha esultato per averla affondata.

La destra vuole perpetuare le discriminazioni, il PD è agli antipodi, vuole affermare i diritti che sono ancora negati

Nel programma del PD c’è anche il matrimonio paritario, lo ius soli (la riforma del diritto della cittadinanza) che con la caduta del governo da parte della destra e dei 5 stelle purtroppo non è andato a buon fine, ma ci ritorneremo sopra.

Laura Boldrini conclude: Noi abbiamo un pacchetto diritti molto sostanzioso, il programma della destra ignora tutto questo e il suo approccio ai diritti è oscurantista. I modelli a cui fa riferimento sono quelli di paesi come in Polonia dove sono arrivati a fare delle zone Lgbt free

 

Nell’audio le parole della Boldrini

SVS 5x1000 2024
Inassociazione