Cronaca 24 Aprile 2022

Fa il giro di tre negozi e ruba in un giorno 700 euro di abbigliamento

Fa il giro di tre negozi e ruba in un giorno 700 euro di abbigliamentoLivorno 24 aprile 2022

Alle  ore 17.32 di ieri  circa  personale della polizia  si recava in  via Cesare Beccaria presso il negozio Decathlon in quanto era stato fermato un soggetto che aveva provato a rubare della merce

Giunti sul posto, gli agenti contattano la “responsabile sicurezza” che, riferiva, che poco prima il sistema antitaccheggio presente all’uscita del negozio si era attivato al passaggio di un soggetto straniero.

I successivi accertamenti facevano emergere che lo straniero fermato,  un cittadino peruviano,  risultava in possesso di merce non pagata.

L’uomo aveva ai piedi delle scarpe, in vendita presso il negozio, che risultavano in maniera evidente appena tolte dagli espositori.

Inoltre il sistema antitaccheggio di cui è fornito il magazzino mostrava, tramite App, che le scarpe in parola non erano state pagate ed erano prive di cartellino.

Evidentemente l’uomo, pensando che il sistema antitaccheggio fosse posto in esso, lo aveva strappato non sapendo però che all’interno delle scarpe era presente una targhetta RFD, percepita sia dal sistema d’allarme che dall’App.

Dopo quanto,  lo straniero veniva invitato a mostrare il contenuto del borsello da lui indossato e qui venivano rinvenuti sei capi d’abbigliamento, ovvero sei pantaloncini (quattro marca Reebok e due Adidas).

Di questi solo uno, marca Adidas, presentava ancora il cartellino (su cui stavolta effettivamente era presente anche il sistema antitaccheggio) mentre gli altri cinque erano stati strappati.

Gli agenti provvedevano  a perquisire anche l’auto che l’uomo aveva utilizzato per giungere sul posto , una Fiat Panda.  Nel bagagliaio era presente uno zainetto di colore blu con all’interno  oggetti di abbigliamento per un valore di 700,00.

Tali oggetti rinvenuti risultavano avere in massima parte ancora l’etichetta e, per quanto riguarda le polo, queste presentavano una caratteristica lacerazione del tessuto all’altezza del collo, ad indicare l’asportazione forzata della placca antitaccheggio.

Chiestogli dove avesse preso tali oggetti, l’uomo confessava di averli rubati presso un negozio cittadino. Sul pianale poggiapiedi in corrispondenza del passeggero posteriore destro veniva rinvenuto un berretto tipo baseball marca EA7 con ancora l’etichetta (del valore di € 43,00), l’antitaccheggio e un sostegno frontale di cartone. L’uomo confessava di aver asportato il cappello in un altro negozio sportivo, sempre nella giornata odierna.

Infine sul sedile posteriore venivano rinvenuti altri  capi d’abbigliamento che presentavano inoltre un foro all ‘altezza del collo.

Grazie alla collaborazione dello straniero , gli agenti  si recavano prima  presso il magazzino Coin di piazza Attias, e poi da Universo Sport.

Presso la Coin gli agenti contattavano la responsabile   che riconosceva i capi mostrati come oggetti presenti in vendita presso il grande magazzino. In seguito gli agenti si recavano in via Roma  presso il negozio “Universo Sport”, dove per stessa ammissione dello straniero  era stato asportato il berretto tipo baseball marca EA7.

Anche la responsabile dell’attività commerciale alla quale è stato mostrato il   berretto con ancora applicata la placca antitaccheggio,  affermava di essere certa che il cappello provenisse dal il suo negozio.

A carico del soggetto  risultava essere presente un unico precedente per simulazione di reato.

Tutto il materiale asportato illecitamente veniva restituito agli aventi diritto.

Per tanto lo straniero veniva  deferito all’A.G. in stato di libertà, ritenuto responsabile del tentato furto aggravato dalla violenza sulle cose, fatto avvenuto in data  23 aprile c.a. presso il negozio Decathlon, nonché del furto consumato relativo al berretto da baseball presso il negozio “Universo Sport”

CONDIVIDI SUBITO!
Banner 730 caf usb
Ekom, promozioni 24 maggio-2 giugno
Banner 5x1000 svs 2022
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
Inassociazione