Cronaca 22 Dicembre 2020

Fieristi e ambulanti dei mercati turistici, arriva il bonus della Regione Toscana

confesercenti-confcommercio-anva-fivaLivorno 22 dicembre 2020

In attesa del bando ufficiale che deciderà le modalità di erogazione del contributo a fondo perduto, le associazioni di categoria

Fiva-Confcommercio Toscana e Anva-Confesercenti Toscana anticipano la misura che raccoglie le loro sollecitazioni.

 

Non solo pubblici esercizi. La Regione Toscana ha previsto un bonus anche gli operatori del commercio su area pubblica più colpite dalla crisi da Covid, ovvero fieristi e ambulanti dei mercati turistici, che operano in particolare nei centri storici e operatori degli spettacoli viaggianti. Lo anticipano le associazioni di categoria del settore Fiva-Confcommercio Toscana e Anva-Confesercenti Toscana.

 

“Stiamo ancora aspettando la pubblicazione del bando che ne stabilirà le modalità di erogazione, ma ormai è certo lo stanziamento di 2 milioni di euro da parte della Regione per finanziare questo contributo a fondo perduto, che arriverà fino a 1.500 euro per impresa”, annunciano in una nota congiunta Anva-Confesercenti e Fiva-Confcommercio Toscana.

 

“Tutto il commercio su area pubblica ha risentito della crisi e delle forti limitazioni che sono state imposte ai mercati; ad esempio con la chiusura dei banchi non alimentari in area rossa.

 

Ma agli ambulanti che lavoravano quasi esclusivamente con le fiere o con i mercati turistici e agli spettacoli viaggianti è andata molto peggio; con perdite di fatturato che arrivano fino al 100%”, spiega Alessandro Ciapini direttore di Confesercenti Provinciale Livorno

“I motivi?

 

Le fiere sono state completamente annullate dalle misure di sicurezza anticontagio così come per gli spettacoli viaggianti;  la mancanza di turisti ha fatto precipitare i mercati di gadget e souvenir nei centri storici come Firenze o Pisa” conclude; Federico Pieragnoli direttore di Confcommercio Provincia di Livorno.

 

L’uscita del bando è attesa dopo l’Epifania:

le imprese dovrebbero essere ammesse al beneficio sulla base del maggior decremento di fatturato rispetto al 2019; un decremento che dovrà comunque risultare superiore al 40 per cento e sarà obbligatoria la regolarità del DURC per accedere al contributo.

 

“Non basteranno certo i soldi del bonus a recuperare quanto perduto, ma è pur sempre un segnale di attenzione che ci fa sentire meno soli e di cui ringraziamo la Regione Toscana”, concludono all’unisono Ciapini e Pieragnoli.

CONDIVIDI SUBITO!
Banner laboratorio ottico Labrolens
Ekom, promozioni 12-25 ottobre
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
SVS 5x1000
Inassociazione