Cronaca 27 Giugno 2017

Filt CGIL: “Seatrag ADM assume schiavi e licenzia lavoratori”

Porto di Livorno, licenziamento in Seatrag. La Filt “Grave discriminazione”

La Filt CGIL  denuncia un “grave atto discriminatorio” in quanto l’azienda, al termine del periodo di apprendistato, tra i lavoratori interessati avrebbe licenziato l’unico iscritto alla CGIL. 

Questo il comunicato di Filt Cgil:

Seatrag ADM assume schiavi e licenzia lavoratori

Non più tardi di una settimana fa sono stati assunti almeno tre ragazzi con clausole elastiche e flessibili, ma contestualmente la Seatrag ha dato un chiaro segnale politico discriminatorio lasciando a casa, dei sei lavoratori in scadenza con contratto di apprendistato, l’unico iscritto alla Filt CGIL .

Non abbiamo timore alcuno di ribadire il carattere discriminatorio perchè non esistono ragioni oggettive che possano giustificare tale comportamento, né di carenza professionale, né di scarsa disponibilità, né di formazione professionale acquisita.

La Seatrag tenta continuamente di forzare le regole previste nel CCNL e abbiamo certezza di continue pressioni nei confronti del personale precario (per assurdo e contro ogni regola oggi i precari sono più numerosi dei lavoratori a tempo indeterminato) che non devono iscriversi al nostro sindacato e garantire solo obbedienza cieca ad ogni comando aziendale.

Di questo fatto chiediamo alla comunità portuale e all’Autorità di Sistema Portuale atti concreti che impediscano definitivamente alla Seatrag di essere un elemento destabilizzante nel sistema degli art. 16 del porto di Livorno.

Metteremo in campo ogni percorso per dare continuità lavorativa a questo lavoratore che è stato escluso e usato da Seatrag “per dare un esempio”

La Segreteria Filt CGIL

Livorno, 27 giugno 2017

CONDIVIDI SUBITO!

Lascia il tuo commento