Aree pubbliche 5 Marzo 2020

Fortezza Vecchia, tanto rumore per nulla

Prorogata anche per tutto il 2020 la concessione della struttura all'Autorità di Sistema

La Fortezza Vecchia

Livorno, 05 marzo 2020 – Come volevasi dimostrare, dopo allarmismi e inutili campagne mediatiche, il “caso” Fortezza Vecchia si scioglie come neve al sole: la struttura è stata confermata in gestione alla Autorità di Sistema.

Quella che segue è la nota ufficiale dell’ente.

“Quest’oggi è stato sottoscritto l’atto di proroga della concessione per la Fortezza Vecchia di Livorno tra l’Agenzia del Demanio – Direzione Territoriale Toscana e Umbria e l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale di Livorno.

La proroga – che ha durata fino al 31 dicembre 2020 – permetterà alla AdSP di garantire nei prossimi mesi l’utilizzo e la fruizione al pubblico del Bene per gli scopi culturali, turistici e di promozione dei traffici portuali.

«Il Ministero delle Infrastrutture ci ha sostenuti come sempre: le attività di gestione della Fortezza Vecchia sono coerenti con le competenze istituzionali dell’Ente e questo ci conforta per il futuro» ha detto il presidente dell’AdSP Stefano Corsini, che ha espresso soddisfazione «per la grande volontà di collaborazione che le istituzioni locali hanno dimostrato in questi giorni, consentendo a cittadini e turisti di continuare a godere di uno dei monumenti più rappresentativi della città di Livorno».

La firma di oggi arriva dopo giorni di contatti fittissimi tra la stessa Autorità Portuale e tutte le istituzioni locali. A cominciare dalla Regione Toscana e dal Comune di Livorno, con cui l’Adsp ha attivato un percorso preventivo mirato al trasferimento del Bene dalle mani dello Stato a quella degli enti territoriali. A rendere possibile questa soluzione è il cosiddetto federalismo culturale (art.5 c.5 del D.Lgs. 85/2010), che consente il passaggio a titolo gratuito di immobili di pregio storico e artistico alle istituzioni locali sulla base di Programmi di Valorizzazione specifici proposti dagli stessi Enti e approvati dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

«Abbiamo fatto un bellissimo lavoro di squadra – ha detto la vicepresidente e assessore alla cultura della Regione Toscana, Monica Barni – in pochissimo tempo siamo riusciti a scongiurare la chiusura della Fortezza. Sarebbe stato certamente un danno grave per la città di Livorno. Ora non dobbiamo fermarci alla firma di questo importante atto di proroga, ma costruire un futuro strutturato per questo importante monumento».

Soddisfatto anche il sindaco di Livorno, Luca Salvetti, che nonostante i numerosi impegni accumulatisi, purtroppo, in queste ultime ore a causa dell’emergenza Coronavirus, ha trovato il tempo di venire a Palazzo Rosciano per condividere un risultato che egli stesso, a margine della firma, ha definito importante, soprattutto per una città come quella di Livorno, che «in questi nove mesi ha lavorato molto sulla valorizzazione delle proprie tradizioni culturali».

«Ringrazio la Regione Toscana – ha concluso Salvetti – che come spesso accade, ha rappresentato un punto di riferimento per la risoluzione di numerose problematiche. Un grazie anche all’AdSP, che lanciato il grido di allarme, si è messa subito a disposizione per trovare una soluzione idonea. La firma di oggi è un passaggio essenziale».”

CONDIVIDI SUBITO!