Politica 7 Maggio 2020

Forza Italia sul turismo: “Sostegno al settore e una data certa per la riapertura”

Chiara tenerini

Chiara Tenerini

Livorno 7 maggio 2020 – Chiara Tenerini, coordinatrice provinciale Forza Italia Livorno affronta il tema dell’estate 2020 per il settore turistico ricettivo.

  “Le tantissime imprese balneari italiane, le strutture ricettive, i ristoranti e i locali di aggregazione, quasi tutte a conduzione familiare, non hanno ancora ricevuto risposte da parte del governo centrale.

Noi come amministratori locali non possiamo rimanere inermi e, nei limiti delle nostre competenze, dobbiamo fare quanto più possibile per cercare di salvare una stagione che si preannuncia a dir poco difficile.

Ho ritenuto pertanto indispensabile sollecitare, con una PEC, l’intervento della Regione e dei Comuni del nostro litorale.

Un sollecito per mettere in campo una serie articolata di interventi e azioni urgenti in previsione della prossima stagione estiva.

Interventi ed azioni in gran parte condivise e raccolte nei numerosi incontri e colloqui che ho fatto con gli imprenditori e con i rappresentanti delle varie associazioni di categoria del territorio. 

È necessario definire con urgenza, le linee guida ed un protocollo chiaro, univoco e di semplice comprensione.

Protcollo da attuare immediatamente per consentire la ripartenza di queste attività, alla luce di uno scenario molto complicato come quello che stiamo vivendo.

Le Regioni e i Comuni, devono farsi portavoce con il Governo centrale per individuare una data certa per la ripartenza della stagione turistico-balneare.

 Devono inoltre chiedere l’attuazione di una serie lunghissima e articolata di provvedimenti, che qui riporto molto sommariamente:

Riconoscimento dello stato di calamità turistica per la Toscana

Farsi carico dei costi derivanti dalla applicazione dei protocolli Igienico Sanitari (o prevedere importanti sgravi fiscali),

Uno stanziamento a fondo perduto per tutte le imprese turistico balneari, che quest’anno molto probabilmente vedranno un calo considerevole del loro fatturato. 

Nel mio confronto con l’impresa, sono sorte anche alcune possibilità che vale la pena prendere seriamente in esame:

 

la proposta di una destagionalizzazione ex lege, o previo mera comunicazione da parte dell’interessato, di tutte le concessioni turistico-ricreative e infine, facendo appello all’istituto della forza maggiore, innegabilmente determinato dalla pandemia mondiale, che di fatto ha ridotto se non azzerato l’utilizzazione dei beni oggetto della concessione.

Si auspica che l’autorità competente intervenga mediante la rinuncia ai canoni per l’anno 2020 oppure, in alternativa, con l’emanazione di un provvedimento che ne autorizzi ex lege, quantomeno la sospensione sino al 30 settembre 2021 e la contestuale riduzione nella misura fissa del 50% per tutto l’anno 2020

Sarà un’estate dura e completamente diversa da qualsiasi altra vissuta in passato, ma lavorando in squadra e se le condizioni epidemiologiche lo permetteranno, con il sacrificio di tutto il settore, riusciremo a riprenderci e a riuscire ad apprezzare, oltre che a migliorare, la nostra estate”. 

CONDIVIDI SUBITO!