Cronaca 16 Novembre 2022

“Fottuto dallo Stato ora mi prendo la mia libertà”, Salvatore Gigante nel suo viaggio in bici dal Piemonte alla Sicilia fa tappa a Livorno

Livorno 16 novembre 2022

Tappa livornese per Salvatore Gigante, partito dalla Val di Susa. Loockdown, ristori, guerra e carobollette, chiude l’attività ed intraprende un viaggio in bici per l’Italia in segno di protesta.

Passa da Livorno il  60enne Salvatore, un sognatore, un “Don Chisciotte” moderno che in sella alla sua bici, con la determinazione di chi vuol cambiare le cose, combatte contro i mulini a vento di un Paese ormai sfiancato e rassegnato.

Salvatore Gigante rappresenta quella parte di italiani che in questi anni hanno subito un sistema che gli ha portati a chiudere l’attività nonostante tutti i loro tentativi di resistere

Gigante ha 60 anni, è sposato ed ha due figlie. Fino ad un mese fa era un imprenditore, aveva un ristorante “Il gigante e la gallina” in Val di Susa

Ha sempre gestito il suo ristorante con  passione ed entusiasmo, poi però è arrivata la pandemia con le sue chiusure e riaperture, il loockdown, i vaccini, le limitazioni del greenpass. Salvatore ha resistito come molti imprenditori tra mille difficoltà poi, Il mancato arrivo dei ristori; “non sono arrivati poiché noi siamo un’associazione con partite Iva, non ci hanno dato niente perché non rientravamo nelle categorie”.

Dopo aver resistito a questo periodo infernale, pagato bollette e tasse, come ciliegina sulla torta è arrivata la guerra in Ucraina. Prezzi rincarati e bollette alle stelle. Una situazione che ha dato il colpo di grazia, ha messo in ginocchio l’attività di ristorazione di Gigante. Il15 ottobre 2022 Salvatore ha alzato bandiera bianca, si è arreso ed ha chiuso l’attività.

Bandiera bianca alzata per l’attività ma la sua forte volontà di protestare per questa situazione comune a migliaia di imprenditori italiani non è cessata, è più forte di prima ed è balzato sulle cronache dei giornali per la sua iniziativa.

Salvatore ha lasciato moglie e figlie ed ha iniziato il suo viaggio attraverso l’Italia, dal Piemonte alla Sicilia. Un duro viaggio in bicicletta per lui che non è un ciclista.

Questo “Don Chisciotte” moderno armato di bicicletta porta a giro per l’Italia il suo messaggio scritto su una maglietta

Il messaggio, Salvatore lo porta con se nel suo viaggio e lo mostra a tutti “per dire basta alle prese in giro dello Stato”. Sul davanti della sua maglietta la scritta “Mi riprendo la mia libertà” e sul retro “Fottuto dallo stato”

A Livorno, come in molti altri posti,  Salvatore Gigante è stato ospitato da alcune persone che condividono la sua battaglia e le sue idee. Tutta questa solidarietà lo rende ogni giorno più forte e più determinato nel portare il suo messaggio di protesta.

Di seguito alcune immagini delle sue tappe compresa quella di Livorno

 

CONDIVIDI SUBITO!
@labrolens · Negozio di occhiali da sole e da vista
Inassociazione
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua