Cronaca 11 Dicembre 2018

Giovani Toscani su “Premiata macelleria occupata”

“Parrebbe che alcuni signori dell’abitare facile -su cui, ci preme ricordargli, pende la spada di Damocle del Decreto Sicurezza – abbiano iniziato le festività natalizie macellando un maiale di qualche quintale in un noto stabile occupato della città

Tolte le considerazioni sulla tutela degli animali, normative sanitarie e altre considerazioni di sgomento che lasciamo volentieri ai lettori, questi “poveri-immigrati-che- scappano-da-guerre” fin troppo comunitari, non ci sembrano davvero così indigenti

Un maiale vivo ha un costo di 5€/kg circa. Quella povera bestia quindi avrà avuto un valore di circa 1000€. Più nei vari filmati vediamo attrezzi, motorini; poi l’avranno trasportato -chissà come poverino- e poi via andare di braciole.

Ma con tutti questi soldi, quindi, perché non si vanno a prendere una bella casa in campagna, magari al loro Paese? Tutta questa maestria è sprecata qui e potrebbero davvero iniziare a riflettere su un ritorno da eroi nel loro paese. Anche perché, certe condotte insensate, come altri sgozzamenti rituali da salotto, non devono essere tollerati. 

A Livorno come in tutta la Toscana, ci sono regole e, forse, è il caso che chi ha la responsabilità sanitaria e di igiene pubblica del territorio, le faccia rispettare

Qualcuno ci accusa di “medioevo”, ma l’arretratezza ce la ha portata in casa chi ha tollerato l’intollerabile“.

Luca Tacchi 
Movimento Giovani Toscani Livorno 

CONDIVIDI SUBITO!