Cronaca 4 Settembre 2021

Green Pass mense scolastiche e lavoratori in appalto, sindacati: “si faccia chiarezza”

I sindacati e le parti sociali richiedono ai ministri Bianchi e Speranza, ai presidenti Fedriga e De Caro di un chiarimento sul green pass obbligatorio.

Provvedimento che, però, esclude i dipendenti delle imprese in appalto…

 

LivornoPress sindacati cgil-cisl-uil bandiereLivorno 4 settembre 2021

Green Pass e Mense scolastiche, Parti Sociali al Ministro dell’Istruzione Bianchi, al Ministro Speranza e ai Presidenti Fedriga e Decaro:

«Si faccia chiarezza sulla certificazione verde COVID-19 per i lavoratori delle mense scolastiche e universitarie».

Il Governo e il Miur convochino urgentemente un Tavolo presso il Ministero dell’Istruzione ed operino un chiarimento sulla recente normativa che ha introdotto misure urgenti per l’esercizio in sicurezza delle attività scolastiche e universitarie imponendo l’obbligo della certificazione verde per tutto il personale scolastico del sistema nazionale di istruzione e universitario, nonché gli studenti universitari, escludendo nella platea di riferimento il personale dipendente delle imprese in appalto, a partire da quelle che gestiscono servizio di ristorazione/mensa all’interno delle scuole di ogni ordine e grado.

È la richiesta congiunta contenuta in una missiva che le Parti Sociali firmatarie della contrattazione nazionale di settore, le Organizzazioni Sindacali Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs e le Associazioni datoriali Angem e Alleanza delle Cooperative Italiane (Legacoop Produzione e Servizi, Confcooperative Lavoro e Servizi, AGCI-Servizi), hanno inviato al Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, al Ministro della Salute Roberto Speranza e ai Presidenti della Conferenza Stato- Regioni Massimiliano Fedriga e dell’ANCI, Antonio Decaro.

Nella nota le Parti evidenziano che

“in queste ore, alcune amministrazioni locali (Roma e Milano, per citare le più rilevanti) hanno inteso estendere tale indicazione anche al personale delle mense scolastiche e universitarie, generando confusione nelle scuole ed esponendo imprese e lavoratori al rischio di non poter operare con la dovuta serenità. Chiediamo pertanto che il Governo e il MIUR operino un chiarimento della suddetta normativa”.

Le lavoratrici e i lavoratori operanti nel settore della Ristorazione scolastica e universitaria – in prevalenza donne, con contratto a tempo indeterminato a tempo parziale – sono circa 40mila e annualmente assicurano il servizio di preparazione e somministrazione di oltre 430 milioni di pasti.

Il Comitato Tecnico-Scientifico e il Ministero dell’Istruzione, come richiesto e sempre affermato dalle Parti Sociali del settore, considerano fondamentale il ruolo sociale ed educativo della refezione scolastica, parte integrante dell’offerta formativa, connotata come esperienza di valorizzazione e crescita costante delle autonomie dei bambini, che per questo debba essere garantita per tutti gli aventi diritto.

Le Parti Sociali sottolineano nella nota: “così come nel febbraio 2021 abbiamo siglato un Protocollo di intesa con il quale abbiamo richiesto alle Istituzioni di inserire prioritariamente nel piano vaccinale anti Covid-19, definito dal Ministero della Salute, i lavoratori operanti nel settore della Ristorazione collettiva, oggi riaffermiamo il sostegno alla campagna vaccinale e l’assoluta priorità di garantire massima sicurezza per addetti e utenti del servizio”. “Per questo – conclude la nota – è necessario che imprese, lavoratori e lavoratrici siano poste in condizione di poter attuare questo processo, con norme dedicate, adeguate e chiare, valevoli per l’intero territorio nazionale, nonché modalità operative precise nelle responsabilità, compiti e strumenti”.

CONDIVIDI SUBITO!
Ekom, promozioni 21 giugno – 4 luglio
Banner 730 caf usb
Banner 5x1000 svs 2022
Precisamente a Cala Beach
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
Inassociazione