Cronaca 6 Marzo 2019

I risultati del progetto SaveMyBike a Livorno e premiazione

Il progetto SaveMyBike (www.savemybike.eu) unisce un sistema di identificazione, protezione dal furto e ritrovamento delle bici private dei cittadini con un sistema di premialità delle buone pratiche di mobilità multimodali.

In pratica, mediante l’APP GOOG_GO è possibile sia caricare le proprie bici, prenotare l’installazione dei sensori sulle stesse, denunciare il furto di una bici e ricevere l’avviso del suo ritrovamento. Tramite la stessa App è possibile, inoltre, monitorare gli spostamenti dei cittadini iscritti al progetto, calcolare una serie di indici individuali relativi alle emissioni, ai costi ed alla salute ed un punteggio sulla base delle percorrenze e diverse modalità di trasporto utilizzate. Tale punteggio è alla base del sistema di premialità che, settimanalmente, premia coloro che sono stati più virtuosi, raggiungendo il maggior punteggio, per ciscuna delle tre fasce di età individuate, che concorrono separatamente.

Fra i 1.000 iscritti al sistema SaveMyBike, circa 300 hanno installato l’App e partecipato attivamente al sistema di tracciamento degli spostamenti nella fase di applicazione prototipale. Il sistema di premialità sta funzionando da nove settimane, con un totale di 27 premi assegnati, fra i quali ci sono gli abbonamenti al servizio di Trasporto Urbano di Livorno consegnati in data odierna.

Il Presidente CTT Nord, Andrea Zavanella, dichiara: “CTT Nord da sempre sensibile ad azioni relative alla mobilità sostenibile e di conseguenza al rispetto dell’ambiente e dell’aria che respiriamo, ha dato il suo appoggio al progetto “SaveMyBike”, fornendo gratuitamente alcuni abbonamenti mensili al trasporto pubblico urbano di Livorno, come premio a quei cittadini che nei loro spostamenti sono stati maggiormente eco-sostenibili”.

I RISULTATI DI SAVEMYBIKE A LIVORNO

Nel Prototipo, operativo a Livorno da Settembre ed ancora oggi attivo, si è volutamente limitato il numero di partecipanti/iscritti alla piattaforma SaveMyBike ad un massimo di 1.000 per poter fare le verifiche del caso senza un eccessivo onere computazionale che avrebbe distratto dal vero obiettivo del prototipo stesso.

Avviata l’iscrizione degli utenti nel mese di Settembre, in una settimana si è raggiunto l’obiettivo massimo di 1.000 iscritti.

IL SISTEMA DELLE BICICLETTE

Successivamente, si è avviata l’installazione dei sensori, in uno spazio reso disponibile gratuitamente dal Comune di Livorno, con una frequenza di due giorni di presenza alla settimana presso il punto di installazione.

In due mesi si sono installati i sensori su più di 300 biciclette mentre, andando verso il periodo invernale, la richiesta di installazioni è poi decaduta velocemente.

Ad oggi ci sono circa 360 bici installate, delle quali 9 sono state rubate (come denunciato attraverso l’APP GOOD_GO) di cui si conoscono le localizzazioni, gli orari e le modalità di furto.

IL SISTEMA DI PREMIALITA’ e MONITORAGGIO DEGLI SPOSTAMENTI

A livello di premialità si sono distribuiti 28 premi di diversa natura (compresi i premi forniti dal CTT NORD srl) anche grazie all’aiuto della ConfEsercenti.

A livello di monitoraggio della mobilità si sono tracciati oltre 2.158 spostamenti con un numero totale di 175.000 punti GPS, dotati di attributi rilevati quali modalità di trasporto, umidità, accelerazione ed altre informazioni. Andando nel dettaglio sono stati monitorati 24.535 minuti (pari a oltre 400 ore) di spostamenti dei cittadini livornesi, per una percorrenza totale di 4.844 chilometri.

Inoltre a livello di emissioni, nei quattro mesi si sono rilevate io seguenti risparmi di utenti che hanno utilizzato mobilità sostenibile:

  • 3406,54 µg di SO2;

  • 1.346 gr di NOx;

  • 548.548 gr di CO2;

  • 1.925 gr di CO;

  • 141 gr di PM10.

A livello di salute sono state consumate, in totale, 120.945 calorie negli spostamenti ciclabili o pedonali con un costo totale (valore del tempo, deprezzamento dei mezzi, costi operativi ed altro) per l’intera comunità di iscritti di 3.233 € per gli spostamenti effettuati (in tutte le modalità di trasporto).

Inoltre si sono rilevate le seguenti velocità medie, per singola modalità di trasporto:

  • Bicicletta: 12,5 km/h

  • Autobus: 18,9 km/h

  • Auto: 24,5 km/h

  • Piedi: 7,3 km/h

  • Motociclo: 28,4 km/h

  • Treno: 56,9 km/h

Tutte queste informazioni potranno essere utili, se il progetto verrà esteso a tutta la cittadinanza, per verificare la fluidità del traffico, le modifiche a livello di split modale e le variazioni di emissioni conseguenti alle misure messe in atto dall’amministrazione comunale ed, in generale, al monitoraggio degli effetti del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile.

CONDIVIDI SUBITO!

Lascia il tuo commento