Cronaca 25 gennaio 2019

I sindacati su Aferpi Piombino: “Una inutile riduzione del monte ore di lavoro”

Piombino 24 Gennaio 2019 – “La scorsa settimana, dopo un incontro tra Segreterie Fim-Fiom-Uilm e Coordinatori Rsu con la Direzione Aferpi, erano stati  fissati una serie di incontri per capire le reali intenzioni dell’azienda rispetto a riduzione dei costi postazione per postazione.

Sono stati sufficienti due incontri di approfondimento con la Direzione aziendale da parte dei Coordinatori Rsu per accertarsi che le rassicurazioni fornite dall’azienda non corrispondono alle esigenze di sicurezza e di riavvio degli impianti che questo stabilimento necessita.

L’azienda ha comunicato la volontà di procedere con riduzioni del monte ore di lavoro  che riteniamo inutili oltre che dannose per la salvaguardia dello stabilimento e della sicurezza dei lavoratori.

Inutili perché lo stabilimento per cominciare a produrre utili ha un solo mezzo, fare gli investimenti necessari e puntare a riconquistare ordini e clienti.

Dannose  perché quando si pensa di ridurre la manutenzione e la salvaguardia di impianti da troppo tempo fermi ed usurati si rischia seriamente  di deteriorare ulteriormente lo stabilimento.

Pericolosi perché quando si riduce le ore di lavoro in postazioni di controllo si mette a rischio la sicurezza di tutti i lavoratori.

Tutto questo avviene in una fase in cui ci si avvia alla ripartenza delle tre linee di laminazione, quando occorre invece la massima attenzione e la massima osservanza delle procedure.

Come più volte abbiamo ribadito, i lavoratori hanno già subito pesanti riorganizzazioni e tagli, non ci sono margini d’intervento ed ogni ulteriore riduzione incide ormai direttamente sulla salute e sicurezza dei lavoratori.

Ne è dimostrazione purtroppo il recente grave infortunio avvenuto nel reparto CND durante lo scarico di billette per il TMP.

Spesso il timore di essere un possibile taglio e la pressione esercitata dai propri diretti responsabili, spinge a lavorare senza il rispetto delle corrette procedure e pratiche operative.

Chiediamo un contributo da parte dei lavoratori di informare in questi casi direttamente le Rls dello stabilimento, affinché possano intervenire rapidamente per esigere il rispetto delle procedure per tutelare la salute e sicurezza dei lavoratori.

Infine anche gli accordi sull’inserimento di figure con  regole condivise di rispettare i codici di lavoro pregressi risulta non rispettato dall’azienda, che con una tale decisione, rischia di mascherare esuberi veri e propri.

In questo quadro le segreterie di Fim-Fiom-Uilm non condividono le decisioni prese unilateralmente dall’azienda e si attivano fin da subito, organizzando un Consiglio di Fabbrica per lunedì con tutte le Rsu Aferpi e piombino Logistics, per mettere in campo tutte le iniziative necessarie.

Il Sindacato è disponibile ad affiancare le scelte di un imprenditore che investe per  far ripartire lo stabilimento piombinese nel rispetto di tempistiche certe e garantite, ma non può condividere l’utilizzo di ammortizzatori sociali solo ed esclusivamente per ridurre i costi.

Riteniamo grave che, a 6 mesi  dall’arrivo del nuovo imprenditore, il Governo non abbia ancora convocato le Organizzazioni Sindacali e l’imprenditore, per monitorare un progetto che riguarda il futuro di un comprensorio oltre che di migliaia di famiglie.

La vertenza Piombino deve avere lo spazio che merita ,la fabbrica Piombinese è il secondo polo siderurgico nazionale e  l’unico produttore di rotaie , prodotto ritenuto più volte strategico dallo stesso Esecutivo.

CONDIVIDI SUBITO!

Lascia il tuo commento