Rugby 21 Ottobre 2023

Il Livorno Rugby ospiterà la Napoli/Afragola

Livorno 21 ottobre 2023 – Il Livorno Rugby ospiterà la Napoli/Afragola

Dopo aver affrontato due probabili concorrenti della zona alta della classifica, l’Unicusano Livorno Rugby si prepara ad ospitare una realtà che invece non è destinata alla lotta al vertice.

Domenica 22 alle 15:30 (arbitro Dario Vidackovic di Milano), nel quadro della terza giornata di serie A, girone 3 – il raggruppamento del centro-sud – i biancoverdi se la vedranno, sul terreno ardenzino ‘Carlo Montano’, con la Napoli/Afragola.

I labronici sono chiamati a ripetersi sugli alti livelli espressi contro Capitolina Roma e Civitavecchia.

Ci sono tutte le componenti per vedere sugli spalti del ‘Montano’ il pubblico delle grandi occasioni. La formazione allenata da Riccardo Squarcini, composta in larga parte da elementi nati e cresciuti nel floridissimo vivaio biancoverde, merita l’appoggio dei tifosi.

La netta sensazione è che anche l’uscita del libro ‘Biancoverdi in meta – La storia del Livorno Rugby 1931’ sia risultata utile per compattare vecchie e nuove generazioni e per riportare tanti appassionati a seguire le sorti della squadra.

Peraltro, dopo la gara con la Napoli/Afragola, passeranno ben 28 giorni prima di potere assistere ad una nuova partita interna dei livornesi.

La Napoli/Afragola non è l’antagonista più scomoda del torneo.

I campani, che nella scorsa annata hanno perso due volte su due con l’Unicusano ed hanno ottenuto solo all’ultima giornata una rocambolesca salvezza, hanno all’attivo, dopo due giornate, un solo punto, frutto del bonus-difesa strappato in casa nella prima giornata con l’Avezzano (24-31 il risultato). Nella seconda uscita, hanno perso 31-15 sul terreno della neo-promossa formazione romana dell’Olimpic.

La Napoli/Afragola punta alla salvezza: anche solo l’undicesima (e penultima) piazza sarebbe sufficiente per evitare la lotteria dei play-out e dunque l’accesso al campionato di A2 2024/25.

Più ambiziosi i programmi dell’Unicusano Livorno Rugby, che danno la caccia ad una delle prime tre posizioni, a quei piazzamenti che consentirebbero di ‘guadagnare’ l’iscrizione alla ‘nuova’ A1 (il secondo torneo domestico 2024/25; un campionato nazionale composto da dieci formazioni).

La concorrenza per tale obiettivo è agguerrita, ma è giusto provarci. Parlare di ‘salvezza’, consapevoli che sul piano sportivo chiudere al quarto o all’undicesimo posto non comporta alcuna vera differenza, sarebbe limitativo.

SVS 5x1000 2024
Inassociazione