Aree pubbliche 22 Maggio 2020

Il mistero di “#IoManifesto” e la mezza apertura del Comune

Livorno, 22 maggio 2020. Sono delle stampe bellissime a carattere culturale. Sono apparse nella triste distesa bianca delle aree vuote delle affissioni. Raffigurano opere d’arte e fotografie, disegni, collage raffiguranti personaggi livornesi come Modigliani e Piero Ciampi; ma anche foto di uomini e bambini che indossano mascherine stravaganti, più da sommozzatori o anti-gas che da prevenzione Covid-19.

L’unico indizio su questa “provocazione” culturale è la frase: “#IoManifesto –  Il Coronavirus ha portato alle sospensioni delle attività culturali e a causa di questo arresto sono rimasti vuoti gli spazi dedicati alle pubbliche affissioni. In attesa che i nuovi manifesti pubblicitari siano attaccati, perché non riempire questi spazi di nuovi contenuti? Il Coronavirus impedisce la ripresa degli eventi estivi, ma altri messaggi possono essere lasciati a chi oggi è finalmente tornato a riappropriarsi di questa piazza“.

 

Non si conoscono ancora gli autori di questa iniziativa, ma c’è chi parla di un collettivo di intellettuali livornesi, i quali dovrebbero uscire presto allo scoperto.

L’iniziativa, concentrata prevalentemente in piazza della Vittoria, ha già ottenuto il suo scopo attirando l’attenzione e l’apertura del Comune di Livorno.

“Come Amministrazione comunale non possiamo che condannare l’affissione abusiva – commenta l’assessore alla Cultura Simone Lenzi – ma allo stesso tempo non possiamo che esprimere  il massimo apprezzamento per quella che del tutto a sorpresa, si è trasformata in una mostra d’arte a cielo aperto, gratuita e fruibile liberamente da tutti. Una mostra strepitosa, oltretutto, che colora Livorno in un momento nel quale le manifestazioni culturali e spettacolari sono state tutte sospese a causa dell’emergenza sanitaria. E che ha reso belli gli spazi pubblicitari rimasti vuoti in questi mesi tanto pesanti per tutti”. “Per questo invito l’autore o gli autori a contattarci – conclude Lenzi – per studiare insieme forme di collaborazione. La città ha bisogno di “attacchi di arte” come questo”.

(Foto tratte dalla pagina Facebook del Comune di Livorno)

CONDIVIDI SUBITO!

Lascia il tuo commento