Aree pubbliche 21 Giugno 2019

Il parcheggio “dimenticato dalla Municipale”, l’appello di un cittadino al sindaco Salvetti

"Mi auguro che con Lei il problema si possa risolvere"

Livorno – “Gentilissima redazione di LivornoPress, vi scrivo nella speranza di poter avere voce per un problema di parcheggio pubblico in zona ospedale in modo che questa mia richiesta possa arrivare al nuovo sindaco della città di Livorno Luca Salvetti

“Il parcheggio dimenticato dalla Municipale” è per la precisione quello in via della Meridiana tra l’ospedale ed il parterre. Si tratta per la precisione di un’area di sosta gratuita riservata con segnaletica orizzontale a macchine e mezzi a due ruote.

Le auto in sosta gratuita possono parcheggiare all’interno dell’area solo due ore, esponendo il disco orario come da cartello all’ingresso dell’area.

Sono la bellezza di quattro anni che per motivi legati alla salute mi devo recare in ospedale due volte a settimana per delle terapie di un’ora.

Durante questi quattro anni trovare posto in quel parcheggio è diventato un calvario, non solo se vado con la macchina ma anche con lo scooter; e tutto questo grazie a chi? Grazie ad alcuni cittadini incivili e menefreghisti ed alla polizia municipale che quella zona forse non la conosce neppure.

In tutto questo tempo che sono costretto ad utilizzare il parcheggio gratuito non ho mai visto una vettura con una multa. I vigili li ho visti solo quando presidiano l’area per divieto di sosta dovuto a manifestazioni di protezione civile o similari che si svolgono all’interno del parco Pertini (Parterre).

L’inverno o nelle giornate di pioggia mi reco con l’auto al parcheggio e non c’è mai un posto libero; le automobili sono tutte parcheggiate senza aver esposto il disco orario e quelle poche che lo hanno non lo usano. Le vetture rimangono parcheggiate lì per tutta la mattina o per tutto il pomeriggio nonostante il limiite delle due ore previsto dalla ordinanza e nella segnaletica.

Se poi si ha la fortuna di trovare un parcheggio libero, quando si torna a prendere l’auto si rischia addirittura di non poter uscire dal parcheggio, perchè nel mezzo del piazzale – dove non c’è giustamente segnaletica di parcheggio –  vengono lasciate le auto grazie anche ai parcheggiatori abusivi che ti indicano di metterla lì.

Se è una bella giornata o se invece della macchina una persona ha la possibilità di recarsi in motorino, torna come si suol dire Pasqua di Domenica: non trovi posto per lo scooter. Non lo trovi non perchè altri prima di te hanno parcheggiato regolarmente ed i posti sono esauriti, ma perchè le auto che non trovano posto parcheggiano sugli stalli degli scooter.

Gentilissimo Sindaco Luca Salvetti, recarsi in ospedale, e non trovare parcheggio per i furbi e per l’assenza di controlli non è una bella cosa; sarebbe l’ora di finirla e magari far sì che le regole vengano rispettate, atrimenti avrebbe più senso togliere quel cartello che limita la sosta a due ore e lasciarlo libero e chi prima arriva prima alloggia.

Tra i tantissimi problemi anche più gravi che dovrà affrontare, forse il mio problema le potrà sembrare marginale, ma pensi a chi per necessità di salute si deve recare in ospedale e si trova quotidianamente a combattere con i furbi. Aiuti a risolvere questa situazione per me e tutti gli altri cittadini rispettosi delle regole”.

Lettera firmata

NdR: Come redazione siamo passati intorno alle ore 11 della mattina a verificare la situazione ed abbiamo riscontrato che su 53 auto presenti nel parcheggio, solo 6 avevano il disco orario esposto.  Di questi sei solo uno indicava l’ora di arrivo del parcheggio (le 09.30). Gli altri 5 avevano orari quasi casuali: alcune auto segnavano le 8, altre mezzogiorno e altre ancora avevano l’ora di arrivo nel pomeriggio. Quattro autovetture si trovavano parcheggiate nello spazio riservato agli scooter ed otto macchine erano in mezzo alla strada tanto da impedire l’uscita delle auto regolarmente parcheggiate.

Alcune foto inviateci dal nostro lettore

CONDIVIDI SUBITO!
EKOM Promozioni 8-21 giugno
SVS 5x1000
Inassociazione

Lascia il tuo commento