In piazza in sostegno del popolo palestinese

La federazione livornese del Partito della Rifondazione Comunista ha organizzato, assieme ad altre forze politiche e dell’associazionismo, un presidio di solidarietà con il popolo palestinese

Presidio di solidarietà per la Palestina

Livorno – Presidio di solidarietà per la Palestina.La federazione livornese del Partito della Rifondazione Comunista ha organizzato assieme ad altre forze politiche e dell’associazionismo un presidio di solidarietà con il popolo palestinese per sesibilizzare la cittadinanza sulle“intollerabili condizioni a cui è sottoposto e alla violenta repressione israeliana delle manifestazioni svoltesi in questi giorni a Gaza",

Gepostet von Livorno Press am Freitag, 13. April 2018

“Anche Livorno ha sentito il bisogno di manifestare la propria solidarietà con la Palestina e denunciare i fatti gravissimi accaduti in questi ultime settimane a GAZA. Sono più di 70 anni che i palestinesi vengono cacciati con la forza delle armi dalla loro terra e attualmente circa 6 milioni di profughi palestinesi vivono nei paesi arabi circostanti, senza avere pari diritti.
 
Da 50 anni Israele occupa illegalmente la Palestina, violando e negando ogni diritto ed opprime il suo popolo con il silenzio e l’indifferenza della Comunità Internazionale. Ogni 30 marzo, il popolo palestinese commemora la Giornata della Terra, nel ricordo di migliaia di palestinesi del 1948 che scesero in piazza per  difendere le loro terre dalla confisca israeliana, ma nel 1976  la manifestazione fu repressa nel sangue dalle milizie israeliane. Anche quest’ anno a Gaza si è scesi in piazza per manifestare pacificamente  per il DIRITTO AL RITORNO,  con donne e bambini in carrozzina, anziani, ragazzi  con i loro motorini, nonne che organizzavano  pranzi, …Ma Israele con i suoi “tiratori scelti” ha voluto infrangere la gioia della marcia pacifica e, con i cecchini appollaiati sulle alture che delimitano il confine con GAZA, ha dato l’ordine di sparare, come il “tiro al piccione” su esseri umani inermi…
 
Ne ha ammazzati una trentina, più di 2000 feriti , altri  ancora in ospedale, fra i morti ed i feriti  bambini e giovani ragazzi, un giornalista ed un artista conosciuto in tutto il mondo… La marcia per  il DIRITTO AL RITORNO non finirà, ma il coraggioso popolo palestinese continuerà fino al 15 maggio, giorno della NAKBA (catastrofe), sfidando con la propria vita, la dignità ed il grande coraggio, gli assassini israeliani.  Noi a Livorno saremo in piazza Grande, per dimostrare che  non tutti in Italia sono indifferenti al dramma di questo popolo coraggioso e dignitoso, denunciando l’illegalità dell’occupazione israeliana, sostenendo la lotta per l’indipendenza della Palestina  e il DIRITTO AL RITORNO  dei profughi palestinesi sancito dalla Risoluzione ONU 194 del 1949″.
 
Mariella Valenti ( Associazione di Amicizia Italo Palestine ONLUS)
ASIA USB, Buongiorno Livorno, Comunità senegalese di Livorno, Buongiorno Livorno, Potere al Popolo, Partito della Rifondazione Comunista di Livorno e Firenze, Partito Comunista italiano, Sinistra Anticapitalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *