Aree pubbliche 22 Settembre 2022

Infrastrutture, ferrovie e corridoio Tirrenico. Fabrizio Rossi (FDI): ‘Ancora tutto è fermo alle promesse del Governo e della Regione Toscana”

Fabrizio Rossi -Fratelli d’Italia -foto pubblica Facebook

Livorno, 22 settembre 2022 – “Infrastrutture e corridoio Tirrenico, purtroppo siamo ancora fermi alle famose promesse e proclami pre-elettorali del PD fatti alle regionali del 2020,

quando l’allora ministra piddina De Micheli, con accanto tutta la pletora del Pd Toscano con in testa l’assessore regionale Leonardo Marras, i quali sbandieravano ai quattro venti l’imminente adeguamento dell’eterna incompiuta che collega Rosignano a Tarquinia”,

afferma Fabrizio Rossi, coordinatore regionale FDI-Toscana e candidato lista Fratelli d’Italia Camera dei deputati collegio plurinominale Livorno-Grosseto-Siena-Arezzo e Uninominale per il centrodestra Grosseto-Siena.

 

 

“Promesse e proclami tanti – scrive Fabrizio Rossi – ma di fatti reali ancora purtroppo nulla e gli anni passano. Nessun progetto organico, senza soluzioni.

 

“Ma di concreto per quello che davvero serve per rendere la Tirrenica un’arteria sicura, e soprattutto degna di una strada proiettata verso il futuro, nulla si è mosso se non i soliti proclami della sinistra, con Enrico Rossi, Giani e Marras.

Vogliamo poi parlare dell’alta velocità ferroviaria? Grosseto e la Maremma sono penalizzate da sempre.

“La Maremma e la costa meritano rispetto, ma soprattutto risposte concrete. Sono certo che il centrodestra quando andrà al governo del Paese, sicuramente saprà dare, ma nel frattempo il candidato del Pd Enrico Rossi, si diletta in elucubrazioni ridicole tra il “Rossi rosso” e il “Rossi nero”, quando l’unica cosa importante è votare il Rossi giusto, che non è certo quello sostenuto dalla sinistra e dal Pd in questo territorio”, conclude Fabrizio Rossi.

CONDIVIDI SUBITO!