Cronaca 9 Novembre 2018

Inovyn, sciopero di 10 ore: “Sui lavoratori pressione alle stelle”

Rosignano, 9 ottobre 2018 –  Questa la nota giunta in redazione da parte delle Rsu Inovyn:

 

“La rappresentanza sindacale unitaria (rsu) Inovyn di Rosignano ha proclamato l’apertura dello stato d’agitazione, il blocco degli straordinari e un pacchetto di 10 ore di sciopero per protestare contro gli eccessivi carichi di lavoro e la pessima organizzazione del lavoro, con il conseguente atteggiamento di pressione dell’azienda nei confronti dei lavoratori.

La decisione della rsu è stata presa dopo il confronto in assemblea con i lavoratori: “Decisione approvata dalla stragrande maggioranza dei lavoratori”. Inovyn ha attualmente alle proprie dipendenze circa 160 dipendenti. In meno di due anni abbiamo registrato 5 casi di dimissioni “anomale”.

Questo, hanno spiegato le rsu, è dovuto all’eccessivo clima di tensione cresciuto all’interno dello stabilimento: si è trattato in un certo senso di “licenziamenti indotti”.

I 5 lavoratori in questione non hanno avuto altra scelta che raggiungere un’intesa con i vertici Inovyn per una rescissione concordata del rapporto di lavoro: “Stiamo parlando di persone che hanno sempre creduto in questa azienda e che hanno costantemente lavorato duramente e con passione, per questo la loro decisione ci ha stupito non poco” hanno precisato le rsu.

“L’azienda – hanno affermato i sindacalisti – sta esercitando un’eccessiva pressione nei confronti dei lavoratori esasperando il clima, in molti hanno paura di ritorsioni. All’interno dello stabilimento si sono registrate malattie psicosomatiche e un preoccupante aumento dello stress”. Due settimane fa la goccia che ha fatto traboccare il vaso: “L’azienda ha infatti deciso la soppressione di una posizione lavorativa adducendo, durante un incontro sindacale, una motivazione assurda e discriminante. La persona che ricopriva il ruolo in questione è stata infatti accusata di aver fatto troppe assenze per malattia, maternità e ferie: “Siamo senza parole”. I sindacalisti hanno poi aggiunto: “Da parte dell’azienda non c’è affatto un coinvolgimento nè delle rsu nè degli rls. È evidente la mancanza di coordinamento e coinvolgimento sui problemi della fabbrica. Senza contare che l’aumento della tensione non aiuta di certo a lavorare in sicurezza”.

Infine la questione investimenti: “Gli investimenti annunciati dall’azienda e reiterati negli anni non sono ancora stati realizzati”.

Le Rsu  Inovyn

CONDIVIDI SUBITO!