Cronaca 21 Luglio 2022

La Capitaneria di Porto celebra i suoi 157 anni

La Capitaneria di Porto celebra i suoi 157 anniLivorno 21 luglio 2022

Nell’odierna mattinata il Direttore Marittimo di Livorno, Contrammiraglio Gaetano ANGORA, ha festeggiato con le donne e gli uomini della Guardia Costiera della Toscana il 157esimo anniversario del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, già celebrato a livello nazionale lo scorso 15 luglio presso il teatro La Fenice di Venezia alla presenza di tutti i Titolari dei Comandi territoriali regionali.

L’Ammiraglio, durante una sobria cerimonia, facendosi portavoce dei sentimenti di stima e ringraziamento profusi dal Comandante Generale attraverso una lettera inviata a tutto il personale, ha ringraziato tutti i militari degli uffici marittimi della Toscana per l’impegno e la dedizione che quotidianamente esprimono nel loro lavoro, evidenziando come la principale e più importante risorsa del Corpo risieda proprio nel personale che quotidianamente e in maniera silenziosa, ma con grande dedizione, svolge i numerosi compiti istituzionali a servizio delle Istituzioni e dei cittadini.

Le Capitanerie di Porto nacquero il 20 luglio 1865 a seguito della firma da parte del re Vittorio Emanuele, avvenuta a Firenze in quanto Capitale d’Italia, del R.D. 2438 del 20 luglio 1865 che sanciva l’unificazione dei due preesistenti organismi di gestione dei porti e dell’amministrazione marittima.

Al giovane Corpo vennero inizialmente attribuite le funzioni amministrative proprie dei Consoli di Marina, funzionari civili eredi delle più antiche tradizioni delle Repubbliche marinare e quelle d’ordine militare dello Stato Maggiore dei Porti, cui spettava la direzione dei servizi tecnici e di polizia.

Inizialmente l’organico era composto da funzionari civili, ma a causa dell’entrata in guerra dell’Italia nella Prima guerra mondiale il processo di militarizzazione fu accelerato e diventò definitivo nel 1919, con il Regio Decreto Legge 2349.

Ottenuta quindi la militarizzazione, il Corpo delle Capitanerie di Porto – i cui ufficiali nel frattempo avevano assunto le stesse denominazioni di grado comuni ai corpi tecnici ed amministrativi della Marina Militare – fu definitivamente inserito nella Regia Marina.

Sul finire degli anni ottanta del secolo scorso il Corpo si presentava già come un’organizzazione in piena crescita, avanzata dal punto di vista tecnologico, professionale e operativo tanto che nel giugno del 1989 fu istituita la Guardia Costiera, articolazione operativa delle Capitanerie di porto costituita dall’inglobamento dei reparti aeronavali preesistenti.

Oggi ai circa 11000 uomini e donne che vi fanno parte sono affidate molteplici attività legate al mare, dalla disciplina e la vigilanza su tutte le attività marittime e portuali, la salvaguardia della vita umana in mare, della sicurezza della navigazione e del trasporto marittimo, oltreché la tutela dell’ambiente marino, dei suoi ecosistemi e l’attività di vigilanza dell’intera filiera della pesca marittima, dalla tutela delle risorse a quella del consumatore finale.

CONDIVIDI SUBITO!
@labrolens · Negozio di occhiali da sole e da vista
Inassociazione
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua