Rubriche 19 Gennaio 2023

La dieta corretta dei calciatori: l’importanza dell’alimentazione per la forma fisica giusta

19 gennaio 2023 – La dieta corretta dei calciatori: l’importanza dell’alimentazione per la forma fisica giusta

Ogni calciatore che milita in questo sport a qualsiasi livello agonistico conosce l’importanza dell’alimentazione, perché dal cibo assumiamo tutti i nutrienti necessari che il metabolismo converte in energia.

Bilanciare sali minerali, vitamine, carboidrati, proteine, fare un pre allenamento naturale e usare gli integratori naturali, sono tutti ottimi presupposti aggiuntivi a una dieta sana.

Prima, durante e dopo la gara, il corpo e la mente vengono sottoposti a determinati sforzi che presentano un dispendio energetico notevole, per questo l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale al pari dei calciatori in una gara.

Piano nutrizionale prima di disputare una partita

La dieta corretta dei calciatori si divide in 3 fasi, nella prima è fondamentale mantenere i livelli di glucosio nel sangue sempre costanti, perché rappresentano una tipologia di zuccheri che il metabolismo converte in carburante per muscoli e mente.

Non bisogna digiunare per evitare uno stato di ipoglicemia, ossia carenza di zuccheri nel sangue, inoltre, bisogna fare attenzione alle proprie capacità digestive, che cambiano con l’aumentare dell’età.

Seguire le indicazioni del nutrizionista sportivo è sempre un ottimo metodo per arrivare a disputare la gara in forma fisica perfetta, in ogni caso, bisogna terminare di mangiare almeno 3 ore prima che comincia la fase di riscaldamento pre gara.

Alimentazione durante le gare

Durante la gara non c’è una vera e propria alimentazione, almeno in teoria, infatti non bisogna consumare di certo cibi solidi, ma è importante reintegrare costantemente tutti i sali minerali e l’acqua che vengono espulsi dal corpo con il sudore.

La carenza di sali minerali e la disidratazione rappresentano la causa principale della diminuzione energetica e quindi anche dell’efficienza fisica. Durante le pause della gara, nell’intervallo e soprattutto nella parte finale, ogni calciatore deve sempre bere tanto e idratarsi, onde evitare problemi fisici quali crampi e persino infortuni.

Piano alimentare post partita

Prima di procedere è fondamentale sfatare un falso mito presente in tantissimi spogliatoi, ossia, quello secondo cui dopo una gara non bisogna mangiare perché il corpo non può sostenere un ulteriore sforzo, perché stanco. Questa non è che una semplice credenza popolare, in quanto, proprio nel periodo post partita è necessario reintegrare tutte le energie spese, attraverso acqua, sali minerali e alimenti.

Sono i muscoli a essere stanchi dopo la gara e mai il metabolismo, pronto a convertire ogni cibo in ricarica preziosa per il fisico dell’atleta. Dopo la gare la prima operazione da compiere è bere acqua a piccoli sorsi per reidratarsi, la bibita non deve essere ghiacciata ma fresca, e deve contenere sali minerali e zuccheri, con un’aggiunta di alcalina, mai troppo concentrata.

Spazio a vitamina C, carboidrati complessi, come pane con marmellata, biscotti artigianali, una fetta di torta o una crostata, sempre artigianali e mai confezionate. Anche un panino con prosciutto crudo senza grasso, o bresaola, è un ottimo pasto per reintegrare le fatiche dei calciatori dopo la gara.

CONDIVIDI SUBITO!
Inassociazione