Attualità 24 Marzo 2022

La Macedonia fa male agli italiani, azzurri fuori dai mondiali

 Italia fuori dai Mondiali, perde 1-0 con la Macedonia del Nord
L’Italia non si qualifica ai Mondiali di calcio per la seconda volta consecutiva. Chiellini: “Spero che Mancini continui”

La Macedonia fa male agli italiani, azzurri fuori dai mondiali24 marzo 2022

L’Italia campione d’Europa si punisce con 12 anni perlomeno di astinenza dai mondiali, fallisce l’approdo a Qatar 2022 dopo aver mancato Russia 2018.

E’ questo il responso di una serata paradossale e triste, nella quale gli azzurri perdendo 1-0 contro la Macedonia del Nord nella semifinale degli spareggi gli azzurri accentuano la tendenza emersa dopo quell’11 luglio 2021 del trionfo di Wembley: erano stati incapaci poi di battere per due volte la Svizzera, nonostante i famosi due rigori a favore falliti da Jorginho, non erano andati oltre il pari neanche con Bulgaria e Irlanda del Nord.

Quella squadra con gioco e carattere magistrali, evidentemente non esisteva più.

Gli uomini di Mancini sono clamorosamente franati

Al 4-3-3 azzurro il ct macedone Milevski rispondeva con una formazione votata alla copertura degli spazi in un 4-5-1 assai indicativo:

d’altra parte con i migliori, ovvero Elmas e Kostadinov, assenti per squalifica, l’obiettivo era palese: sperare che passasse presto la nottata degli assalti azzurri, e puntare su un guizzo estemporaneo o anche su supplementari e rigori per concretizzare il colpaccio.

Dalla scontata pressione iniziale azzurra scaturivano per mezz’ora continui corpo a corpo tra giocatori e carambole del pallone, ma neanche un tiro in porta perché i macedoni con grinta e diligenza interrompevano iniziative e linee di passaggio di Verratti e compagni.

La gara così si accendeva solo al 31′ quando una sventatezza in fase di rinvio del portiere Dimitrievski liberava al tiro nel cuore dell’area Berardi, che però calciava fiacco e consentiva al numero 1 avversario la parata facile.

Gli azzurri forzavano i tempi ma ne scaturivano un destro di Insigne al 34′ (fuori), e una inutile protesta per presunto fallo di mano in area macedone da parte di Velkovski al 38′.

Erano anzi gli uomini di Milekski a creare un paio di opportunità in chiusura di tempo: sulla prima un recupero di Florenzi vanificava la fuga solitaria di Milan Ristovski, nella seconda lo stesso attaccante macedone tirava da buona posizione costringendo Donnarumma alla parata in tuffo.

Nella ripresa il canovaccio della gara, tra possesso palla azzurro e difesa a oltranza macedone, non poteva cambiare, e infatti il pubblico si ritrovava a sperare in un’interpretazione a soggetto di qualcuno dei campioni d’Europa.

Che poteva essere Berardi tra il 51′ e il 53′, bravo a lasciar partire due tiri di sinistro pericolosi, uno parato e uno fuori di poco.

Ma colpevole al 58′, quando, su tocco intelligente in profondità di Verratti, si ritrovava a calciare da solo dal limite dell’area e mandava il pallone altissimo.

Al 64′ Mancini provava la mossa Raspadori: l’attaccante rilevava Insigne, a lungo impalpabile.

Nessun risultato concreto dalla sostituzione, e allora Roberto Mancini provava altri due innesti

Tonali al posto dello spento Barella, e Pellegrini a rilevare Immobile: raspadori passava a fare il centravanti in un tridente con Pellegrini a sinistra e Berardi a destra.

Finalmente all’85’ arrivava una buona iniziativa di Emerson, che liberava in area Pellegrini, sorpreso e capace solo di trasformare l’assist in un ulteriore appoggio, andato a vuoto.

Al 90′ Gianluca Mancini, alle prese con un crampo, lasciava spazio a Chiellini, e Joao Pedro prendeva il posto di Berardi. Inutile: perché il fulmine di destro di Trajkovski illuminava la notte dei macedoni.

“E’ difficile da spiegare, c’è grande delusione, siamo distrutti. Ci è mancato segnare ma non siamo stati presuntuosi.

Ci è mancato di sicuro qualcosa, abbiano pagato errori fatti da settembre in poi.

Sono orgoglioso dei miei compagni.

Dobbiamo ripartire e spero che Mancini resti, c’è bisogno di lui per farlo”.

 

Così il capitano azzurro, Giorgio Chiellini ai microfoni della Rai dopo la sconfitta con la Macedonia del Nord, che esclude l’Italia dai Mondiali per la seconda volta consecutiva.

“Come a luglio è stata la cose più bella accadutami a livello personale questa è la più grande delusione.

Stasera è successa una cosa incredibile. Non dovevamo esserci, La partita abbiamo fatto di tutto per vincerla, ma certe gare sono così….” Lo ha detto il ct dell’Italia, Roberto Mancini, ai microfoni Rai dopo l’eliminazione con la Macedonia.

“Il gol al 90′ sembra fosse stato apposta. Non so cosa dire. Mi spiace molto per i giocatori. Il mio futuro? La delusione è troppo grande per parlarne. Comunque sono sicuro che la squadra ne abbia uno grande”.

CONDIVIDI SUBITO!
Banner 730 caf usb
Ekom, promozioni 24 maggio-2 giugno
Banner 5x1000 svs 2022
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
Inassociazione