Ambiente 15 febbraio 2020

La Sinistra Colle risponde alla Lega: “Sulla salute togliete le bandiere e scendete in campo umilmente”

"Dove eravate in questi anni mentre noi facevamo le battaglie su Rivellino, Biscottino e taglio degli alberi?"

Collesalvetti, 15 febbraio 2020 – La Sinistra di Collesalvetti risponde alla Lega sul tema dell’ambiente e della salute:

“Visto che ci hanno chiamato in causa, il coordinatore della Sinistra di Collesalvetti Luca Chiappe ritiene opportuno replicare. Mostriamo disprezzo per questo modo di fare politica, che anche su temi importanti come salute pubblica ed ambiente si cerca il pretesto per fare propaganda, una sterile e vergognosa propaganda che manca di rispetto ai cittadini Tutti

Individuiamo come componenti della famigia degli “amici degli amici dei veleni” sia le liste civiche (sedicenti ambientaliste), sia la sinistra più estrema, quella con stelle rosse (sbiadite) e (rugginose) falci e martello sulle (poche) tessere di partito. Queste forze durante le elezioni comunali hanno apertamente appoggiato il PD&Company al ballottaggio -ottenendo alcuni anche poltrone e poltroncine- e ora, solo per avere un briciolo di visibilità, si ergono a difensori della salute pubblica, quando invece non sono altro che coloro che hanno fermato il cambiamento, sostenendo e salvando così gli esecutori della probabile e ulteriore opera d’intossicazione dei colligiani”.

“Con questa uscita la lega vuole lavarsi la coscienza, non è capace di stare sulle cose, di stare tra la gente, di lavorare su questioni importanti come la salute senza dover mettere una bandiera .
A livello ambientale non prendo lezioni da nessuno tantomeno da livornesi leghisti che cercano loro si una visibilità sulla pelle delle persone. Quando io con le persone che mi seguono combattevo e impedivo che sul nostro territorio imponessero l’impianto di Rivellino voi dove eravate? Quando combattevamo sulla questione Livorgest o Biscottino compresa la discarica a cielo aperto voi dove eravate? Quando combattevamo sugli impianti nati sulla 555 voi dove eravate? Quando inserivamo un piccolo polmone verde “la pioppeta sulla livorno 3 a Stagno dove eravate? E dove eravate quando in consiglio comunale si discuteva del taglio alberi?
Avete perso le elezioni ma non siete capaci di fare un autocritica, ed in questo assomigliate molto al Pd , preferite dare colpe ad altri , io personalmente non ho votato pd e non ho dato indicazioni in tal senso ma voi non vi avrei mai votati, ma non per le tante persone serie ed oneste che ci sono nel nostro territorio che avrebbero meritato fiducia, ma per gli organismi nazionali e locali e il loro modo opportunistico di fare politica .
In ogni vostro intervento ci sono solo offese e ora mi avete stufato, parlate di una sinistra che ha ottenuto posti in cambio del voto , bene siate più chiari in modo che possa procedere ad una querela.
Da anni combattiamo contro la situazione ambientale, e da mesi sulla questione “bio raffineria inceneritore” non abbiamo mai messo una bandiera, abbiamo raccolto firme , richiesto incontri, chiesto l’intervento del prefetto, fatto assemblee e voi dove eravate?

Parlate della sinistra confondendola sempre, io sono fiero di essere un uomo dal pensiero di sinistra e sono molto più coerente di molti di voi che hanno girato partiti e partitini.
Avete aspettato a prendere posizioni sulla questione perché attendevate ordini, dovevate prima verificare la possibilità di vincere le Regionali e non potevate contrastare il progetto di Eni poiché rientra tra ciò che avreste voluto, Il 23/7 il consiglio regionale ha approvata con i voti Pd M5S Mdp LEU gruppo misto una risoluzione su “la nuova politica sui rifiuti e sull’economia circolare in Toscana” per definire gli indirizzi del nuovo piano regionale dei rifiuti.
Il centrodestra a trazione leghista non ha approvato la risoluzione, votando una sua. Il contendere è proprio l’incenerimento. Nella vostra mozione si prende atto che “negli ultimi anni sono stati inaugurati significativi impianti di incenerimento come Copenhagen, Parigi e Vienna, a dimostrazione che tali impianti possono essere una risposta strutturale, seppur del residuale per la fine del ciclo dei rifiuti, con tecnologie affidabili e produzione di energia elettrica e calore /freddo rispondenti ad un mercato stabile nel lungo periodo; nei Paesi dove sono in funzione termovalorizzatori l’uso della discarica e’ quasi a zero:
La lega conferma di essere inceneritorista e vuole un inceneritore per provincia raddoppiando quelli esistenti mentre noi prevediamo di chiuderli quasi tutti”.
“E del nucleare ne vogliamo parlare non è di molto tempo fa la dichiarazione di Salvini in Sardegna, nel corso di un comizio elettorale a Cagliari, il Ministro dell’Interno e Vicepresidente del Consiglio italiano Matteo Salvini ha citato di sfuggita il nucleare come tema da non rifiutare a priori con quelli che vengono rubricati come “no a tutto”.
In barba quindi alle preoccupazioni della gente.
Basta primi della classe a Stagno c’è un problema di salute se credete che questa battaglia sia giusta allora abbassate la cresta togliete le bandiere perché la salute non ne ha e scendete in campo umilmente come ho fatto io per stare con la gente è non per avere un riscontro politico. Basta propaganda o con la gente o contro , in questa partita non c’è posto per prime donne”.

Michele Menicagli – La Sinistra di Collesalvetti

CONDIVIDI SUBITO!

Lascia il tuo commento