Cronaca 2 Febbraio 2021

Lavoro Agile in Comune presentato alla Bocconi

Il Piano Operativo del Lavoro Agile del Comune di Livorno presentato a un workshop della School of Management della Bocconi

 

viola ferroni

L’assessore al bilancio Viola Ferroni

Livorno, 2 febbraio 2021

Il Comune di Livorno, tra i primi enti locali ad avere approvato in Italia il Piano Operativo del Lavoro Agile, è stato chiamato, insieme al Comune di Milano, a presentare oggi la propria esperienza a un workshop organizzato dalla Sda Bocconi School of Management insieme alla Scuola Nazionale dell’Amministrazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Tema del workshop “Il lavoro agile: stato dell’arte e prospettive di sviluppo”.

 

Gli altri piani presentati all’interno di questo prestigioso corso di formazione sono stati quelli dell’INPS e del Consiglio Regionale della Lombardia.

L’assessore al Personale Viola Ferroni commenta

“E’ motivo di grande soddisfazione per tutti noi essere stati scelti a partecipare a un momento di confronto tecnico di così alto livello sia dal punto di vista professionale che manageriale, grazie al nostro POLA, approvato con delibera di Giunta dello scorso 22 gennaio, al termine di un percorso che ha visto una serrata fase di predisposizione del piano e un altrettanto serrato dibattito con i sindacati

Il ringraziamento  va alla struttura comunale che ha avviato un percorso complesso, sia dal punto di vista dello studio delle attività smartabili che da quello normativo, consegnando all’Amministrazione, in tempi estremamente rapidi, un quadro oggettivo sulla cui base compiere le future scelte.

Il lavoro da compiere è ancora ampio

Applicheremo correttivi eventualmente necessari in corso, anche in ragione della futura regolamentazione del telelavoro”.

 

Il risultato secondo l’assessore al Personale è ancora più apprezzabile considerando che:

“il Comune di Livorno nel marzo 2020 si è trovato completamente privo di una propria regolamentazione e sperimentazione del lavoro da remoto; che comprende sia telelavoro che smartworking, così come la legge prevedeva invece da anni”.

La pandemia, ricorda l’assessore, ha accelerato il processo di informatizzazione del lavoro negli enti locali

Un processo che deve essere gestito, attraverso il confronto con le organizzazioni sindacali; tenendo presente che il lavoro agile implica un’organizzazione diversa del lavoro, anzitutto dal punto di vista culturale.

“Si tratta ora di cogliere, come anche espresso in occasione del workshop, questa opportunità per ridefinire l’intera modalità organizzativa del Comune, le sue politiche assuntive e anche quella della definizione dei nuovi profili.

Il Comune è l’ente territoriale più vicino alle esigenze del cittadino e dell’impresa

Questo è il punto fermo ed il concetto sul quale trovare un equilibrio con l’esigenza di conciliazione dei tempi vita/lavoro dei dipendenti”.

CONDIVIDI SUBITO!
Ekom, promozioni 21 giugno – 4 luglio
Banner 730 caf usb
Banner 5x1000 svs 2022
Precisamente a Cala Beach
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
Inassociazione