Cronaca 23 Maggio 2018

La Lega sulla chiusura degli sportelli bancari in provincia

“Interveniamo a nome della Lega di Livorno facendoci carico delle preoccupazioni della comunità locale e della Fabi, Sindacato del Settore Bancario, riguardo la chiusura di alcuni sportelli della ex Cassa di Risparmio di Livorno, oggi BpM – Banco popolare di Milano.

Preoccupazioni che appaiono condivisibili. Infatti, la sparizione di banche dal territorio, divenute ormai e sempre più proprietà di azionisti costituiti in fondi esteri, minaccia di lasciare la popolazione e le imprese prive di quella rete di istituti di credito da sempre indispensabili allo sviluppo, servizio ormai in gran parte assorbito dalle molte agenzie di finanziamento specializzate.

Secondo un articolo pubblicato dai rappresentanti provinciali Fabi di Livorno, solo le Banche di Credito Cooperativo appaiono in grado di colmare questo vuoto, essendo rimaste le uniche a potersi ancora fregiare del termine “banche del territorio”.

Ma, anche questi istituti, sono stati gravati dalla minaccia della speculazione: gli NPL, i “Non performing loans” (appunto noti come Npl), sono i crediti per i quali la riscossione è incerta sia in termini di rispetto della scadenza, sia per l’ ammontare dell’ esposizione.

Nel linguaggio bancario sono chiamati anche “crediti deteriorati” e si distinguono in varie categorie, fra le quali le più importanti sono “incagli” e “sofferenze”.

Bankitalia definisce le sofferenze come crediti la cui riscossione non è certa da parte degli intermediari che hanno erogato, perché i debitori risultano in stato di insolvenza o situazioni equiparabili.

Sulla riduzione dei Non performing loans da parte delle banche dei Paesi dell’ Eurozona, tra i quali l’ Italia, si gioca la creazione della futura garanzia unica sui depositi.

Questi NPL sono, tuttavia, il termometro sull’ economia reale, la cui ragion d’ essere, è direttamente opposta a quella dei c.d. “derivati” che invece rappresentano la finanza speculativa e che sono infatti pezzi di carta che girano moltiplicando dei valori fittizi, senza sottostanti valori reali.

I primi rappresentano il 4,6% del debito dell’ Eurozona, circa 400mld e, nel 2015, gli NPL italiani valevano 88 mld, cioè il 20% del totale delle banche, mantre nel 2017 valevano 64 mld, cioè il 14%. La riforma bancaria voluta dal Governo Renzi obbliga le BCC a vendere sottoprezzo gli NPL a soggetti esterni, per lo più fondi speculativi.

Le Bcc sono quindi obbligate a liberarsi in 2 anni di NPL non garantiti e in 7 anni di NPL garantiti, pena l’ azzeramento del loro valore.

Tuttavia, con l’ istituzione di una “Banca per gli investimenti”, prevista nel contratto di Governo di Lega e Movimento 5 Stelle, si individua un soggetto che potrà svolgere un’ attività “di secondo livello per le piccole e medie imprese”, agendo in cofinanziamento con le banche radicate sul territorio, a supporto delle PMI e ad iniziative di interesse pubblico e strategico.

Una bella svolta rispetto alle politiche dettate dal PD che, siamo convinti, invertirà quel rapporto tutto indirizzato verso la creazione sul nostro territorio nazionale di un pugno di grossi gruppi bancari dal controllo sovranazionale”.

On. Manfredi Potenti

Luca Tacchi – Responsabile settore Commercio Lega Livorno

Gianluca Maestrini – Movimento Giovani Toscani

CONDIVIDI SUBITO!