Appuntamenti 25 Agosto 2017

Livorno Music Festival: oggi, “Un flauto magico e oltre”

Un flauto magico e oltre” per il Livorno Music FestivalAl Museo di Storia Naturale del Mediterraneo

Livorno, 25 agosto 2017 – Prosegue con successo il Livorno Music Festival e venerdì 25 agosto (alle ore 21) una location suggestiva come quella del Museo di Storia Naturale del Mediterraneo (via Roma 234) ospiterà “Un flauto magico e oltre”.

I protagonisti del concerto:

Quartetto Klimt, pianoforte e archi

Matteo Fossi, pianoforte
Duccio Ceccanti, violino

Edoardo Rosadini, viola
Alice Gabbiani, violoncello

Davide Formisano, flauto

Giovanni Guastini, pianoforte

Giovani talenti del LMF

Lucrezia di Caro, oboe

Clara Riccucci, clarinetto

Paquito Ernesto Chiti, corno

Edoardo Filippi, fagotto

Il Quartetto Klimt si è costituito nel 1995 presso la Scuola di Musica di Fiesole. Dal 1997 il quartetto ha frequentato per due anni a Fiesole i corsi speciali di alto perfezionamento tenuti dal Trio di Milano; dal 2000 ha studiato per diversi anni con Pier Narciso Masi. Nell’aprile 1998 ha vinto il primo premio al Concorso Internazionale di Musica da Camera “Gaetano Zinetti” Sanguinetto (VR). Fin da subito il quartetto è stato invitato dal “Encontre Internationale des Enseignements Artistiques” organizzato dall’Institute de le Marionette a Charleville-Meziéres (Francia), dal Festival dell’Orchestra Giovanile Italiana ad Aosta, dall’”Ater Festival” di Rimini e dal Festival “Elba Isola Musicale d’Europa”. Gli anni successivi hanno visto la partecipazione del gruppo in stagioni prestigiose quali “Lingotto Musica” di Torino, il Festival di Ravello, “Musica Insieme” di Bologna e “Bologna Festival”, la Biennale di Venezia gli Amici della Musica di Firenze, gli Amici della Musica di Perugia, l’Accademia Filarmonica Romana, le Serate Musicali di Milano, il Festival Mozart di Rovereto; è stato inoltre protagonista di numerose dirette televisive e radiofoniche della RAI, RadioTelevisione Italiana. Maurizio Pollini gli ha devoluto nel 2001 la borsa di studio “Arturo Benedetti Michelangeli”. Nell’aprile 2001 il quartetto ha inaugurato la prima edizione de “I Concerti del Quirinale”di Roma; nel luglio 2001 è stato invitato al prestigioso Oleg Kagan Musikfest di Kreuth (Germania) e dal Festival di Santander (Spagna). Nel 2010 la rivista Amadeus ha pubblicato i due quartetti per pianoforte e archi di Robert Schumann eseguiti dal Quartetto Klimt, che è stato invitato dalla RAI ad eseguire questi brani dal vivo, in diretta Euroradio, in occasione del bicentenario. Nel 2011 il quartetto è stato invitato dalla Columbia University di New York. Nel marzo 2013 è uscito un nuovo cd per Amadeus, con i due quartetti di Antonin Dvořák. Nel 2014 è uscita per Stradivarius la prima incisione assoluta di “Piano, violin, viola and cello” di Morton Feldman. Il Klimt è dedicatario di brani di autori quali Solbiati, Antonioni, D’Amico, Vandor, Cardini, Gaslini.

Davide Formisano è nato nel 1974 a Milano, dove si è diplomato col massimo dei voti e la lode sotto la guida del M° Carlo Tabarelli, perfezionandosi in seguito con i maestri Cambursano, Cavallo, Gerard presso la Musikhochschule di Stoccarda e Nicolet a Basilea. A diciassette anni si pone all’ attenzione di Sir James Galway e Patrick Gallois. Giovanissimo, si aggiudica il Primo Premio al Concorso “G. Galilei” di Firenze e al Concorso Internazionale di Stresa, ottenendo successivamente prestigiosi riconoscimenti presso tutti i più autorevoli concorsi internazionali. Nel 1995 ottiene il posto di Flauto solista nella Filarmonisches Staatorchester di Amburgo, ricoprendo nel 1996 lo stesso ruolo presso la Netherlands Radio Philarmonic Orchestra. Dal marzo 1997 al luglio 2012 è Primo Flauto Solista dell’Orchestra del Teatro alla Scala e dell’omonima Filarmonica. L’attività in seno all’Orchestra Filarmonica della Scala gli ha permesso di collaborare con direttori di fama mondiale, quali Giulini, Mehta, Savallisch, Gergev, Chung, Pretre, Sinopoli, Muti, Dudamel, Harding, Baremboim, Gatti e Chailly. Nel luglio 2012 decide di lasciare tale posizione per poter dedicarsi appieno alla sua attività cameristica, solistica e didattica. Ha accostato al ruolo di professore d’orchestra una brillante e crescente carriera cameristica e solistica, esibendosi in Europa, Asia, Nord America ed America Latina con partners del calibro di Canino, Vlatkovic, Moll, Azzolini, Biondi, Barenboim, Muti, Galway, Entremont, Sanderling e accompagnato da orchestre quali Bayerischer Rundfunk, Dresdner Kapellsolisten, Orchestra Filarmonica della Scala, Filarmonica di S. Pietroburgo e Tonhalle Ensemble di Zurigo, I Cameristi della Scala, Basel Rundfunk Orchester, Badische Staatskappelle. Suona con un flauto Muramatsu 24k All Gold.

Giovanni Guastini si è diplomato con Susanna Bigongiari presso il Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze col massimo dei voti e la lode; si è poi perfezionato in musica da camera con Alessandro Specchi presso l’Accademia Musicale di Firenze ed ha ottenuto la laurea di secondo livello in Musica da Camera presso il Conservatorio di Firenze sotto la guida di Rolando Russo. Grazie a una borsa Erasmus ha frequentato i corsi dell’Accademia musicale Ferenc Liszt di Budapest, sotto la guida di László Baranyay (pianoforte), János Devich e László Bihary (musica da camera). Ha frequentato master class tenute da Andrzej Jasiński, Matthijs Verschoor (pianoforte), Dario De Rosa (musica da camera) e Riccardo Cecchetti (fortepiano). Ha perfezionato il repertorio solistico con maestri come Nelson Delle Vigne-Fabbri, Philippe Entremont, Robert Roux, Jerome Lowenthal. Ha ottenuto il primo premio in diversi concorsi nazionali e internazionali. Ricopre il ruolo di pianista accompagnatore presso la Scuola di Musica di Fiesole, i corsi strumentali-vocali “Rencontres Musicales Internationales” tenuti annualmente a Braine-l’Alleud (Belgio), la sede fiorentina della New York University e numerosi incontri musicali e masterclass in Italia e all’estero.

BEETHOVEN Quintetto in Mi bemolle maggiore per pianoforte e fiati op.16

DVORAK Sonatina per flauto e piano op.100

MENDELSSOHN Quartetto n.2 per pianoforte e archi op.2

Il Livorno Music Festival è realizzato in compartecipazione con il Comune di Livorno e Scorpio Pubblicità, con il contributo di Fondazione Livorno e Regione Toscana.

Costo del Biglietto

12 € Intero;
10 € Ridotto (Over 65, Soci Ordinari Amici Della Musica);
8 € Ridotto (5 – 16 anni, Soci Benemeriti Amici Della Musica);
Gratuito (bambini fino a 5 anni);

Il costo del biglietto per il Concerto (€12 – 10 -8) include la possibilità di visita guidata gratuita al Museo alle ore 20 previa prenotazione telefonando al 0586/266711-34 oppure all’indirizzomusmed@provincia.livorno.it entro e non oltre il 24 agosto alle 13.

La biglietteria apre alle ore 19.30 nel luogo del concerto

CONDIVIDI SUBITO!