Politica 13 maggio 2019

Luca Salvetti: “Nuovi modelli di risposta ai bisogni della terza età”

Livorno – Le proposte del candidato sindaco Luca Salvetti che rispondono a nuovi modelli di risposta ai bisogni della terza età

NUOVI SERVIZI PER LE PERSONE ANZIANE

“L’aumento dell’aspettativa di vita delle persone richiede nuovi modelli di risposta ai bisogni della terza età.
La questione dell’invecchiamento della popolazione non può essere affrontata soltanto come emergenza, ma richiede un approccio preventivo e una seria programmazione.

 Un’indagine sugli assegnatari di immobili ERP nel territorio livornese ha rilevato che più di 2000 assegnatari hanno un’età superiore a 71 anni: la maggior parte di questi vivono da soli o massimo in un nucleo di due persone. Se da un lato occorre potenziare l’offerta di servizi residenziali pubblici rivolti agli anziani non più autosufficienti (RSA), richiedendo alla Regione di incrementare il numero delle quote sanitarie rispetto alle 365 attuali, dall’altro occorre affiancare alle RSA percorsi alternativi: luoghi e servizi capaci di intervenire in modo preventivo, accogliendo anziani soli o a rischio, offrendo loro soluzioni alternative al ricovero e sostenendoli.

 Deve essere garantita in modo trasparente l’utilizzazione a pieno regime delle Rsa, sia per titolari del voucher regionale, sia per i cittadini che provengono da situazioni di emergenza socio-sanitaria. Le prossime gare di appalto, dovranno guardare a nuovi modelli di gestione già realizzati in altre città della Toscana, che riescono a far fronte anche a problemi di natura economica correlata a carenze strutturali, quali le concessioni pluriennali. Questo non significa privatizzare, ma puntare sulla qualità.

 Il Comune promuoverà un Piano contro la solitudine e per la socialità.

 Nella cornice del Piano saranno avviate sul territorio esperienze di co-housing sul modello di quanto già realizzato con successo in altri territori, saranno rilanciati i servizi domiciliari e le reti sociali di supporto (avviando esperienze di prossimità come i condomini solidali e altre pratiche di comunità).

 Il Comune di Livorno, cercando la collaborazione dell’ASL Nord Ovest e soprattutto dei medici di base, promuoverà l’istituzione di un’Anagrafe delle fragilità, che raccoglierà i nominativi delle persone anziane con un’età superiore a 75 anni con gravi problemi di salute o in una situazione di rischio sociale, e svolgerà funzioni di monitoraggio e prevenzione.

Sarà inoltre necessario integrare l’attuale offerta di servizi rivolti alle persone affette da Alzheimer sia per quanto riguarda la residenzialità sia per quanto riguarda il diurno”.

CONDIVIDI SUBITO!

Lascia il tuo commento